Vasi sanguigni: La stimolazione elettrica per guarire dalle ferite

VEB

Accelerare la guarigione da ferite grazie alla stimolazione elettrica dei vasi sanguigni.

Vasi sanguigni La stimolazione elettrica per guarire dalle ferite

Tutti i vasi sanguigni presenti nel nostro corpo rappresentano una lunghezza totale di circa 100.000 chilometri. Il loro ruolo è fondamentale: trasportando il sangue nell’organismo, aiutano a distribuire l’ossigeno e vari nutrienti. In caso di lesioni, sono anche necessari per la guarigione delle ferite. In una pubblicazione della Royal Society of Chemistry, i ricercatori dimostrano che l’uso della stimolazione elettrica sui vasi sanguigni può accelerare la guarigione delle ferite .

Quando ci feriamo, guariamo attraverso i nostri vasi sanguigni: trasportano tutte le sostanze necessarie per controllare l’infiammazione intorno alla ferita e proteggerci dalle infezioni. Tuttavia, una lesione di solito comporta la rottura di alcuni vasi sanguigni. Il loro funzionamento viene quindi interrotto, fino al ripristino. Questo processo di riparazione è autonomo. “I vasi sanguigni ricrescono da soli” specificano gli esperti nello studio “quasi come i rami degli alberi” . Nel loro studio, volevano capire come accelerare questo processo . Hanno eseguito diversi test su cellule umane in laboratorio

Questi esperimenti hanno permesso loro di vedere che la stimolazione elettrica aumenta notevolmente la permeabilità dei vasi sanguigni: questa caratteristica consente loro di essere più efficienti nel fornire i nutrienti necessari alla ferita .

Abbiamo una migliore comprensione di come la simulazione elettrica possa modificare la permeabilità delle pareti dei vasi sanguigni” afferma Jon Song, coautore dello studio. Ciò consente alle molecole di accedere al sito della ferita più rapidamente e avviare il processo di guarigione. Tuttavia, il team di ricerca specifica di aver trovato solo questo fenomeno, senza trovare una spiegazione.

Secondo il loro ipotesi, l’elettricità avrebbe un impatto sulle proteine ​​che consentono alle cellule del sangue di rimanere insieme. Questa teoria non è stata ancora confermata. I ricercatori hanno in programma di continuare i loro esperimenti elettrici sui vasi sanguigni.

Next Post

Antartide: Si è creata una particella enorme di antimateria

Una particella enorme di antimateria sarebbe presente sul territorio dell’Antartide. Gli scienziati hanno confermato ufficialmente che una particella di antimateria incredibilmente potente è entrata in Antartide nel 2016. Come risultato di questo evento, si è verificato un effetto a cascata, che gli esperti chiamano risonanza di Glashow. Va notato che […]
Antartide creata una particella enorme di antimateria

Possono interessarti