Venezia, fa la carità ma prima per gli italiani

È indubbio che in Italia i poveri sono in continuo aumento: lo ha certificato anche l’Istat, secondo cui i poveri assoluti, quelli che non riescono nemmeno ad assicurarsi un pasto o un tetto sulla testa, sono ormai più di 5 milioni.

Ma i disperati sono anche di una miriade di altre nazionalità, arrivati in Italia in cerca di fortuna e che invece hanno trovato solo fame ed emarginazione.

Allora, un povero italiano vale più di un povero straniero? Vale meno? Come si decide chi aiutare e chi no?

Dilemmi etici che sono venuti in queste ore a galla per una storia che viene da Mira, in provincia di Venezia, dove un benefattore ha lasciato un’offerta alla Caritas ma ad una condizione: per gli “italiani in primis” e “gli stranieri per ultimi”.

Nello specifico il denaro era contenuto in una busta, depositata nella cassetta dell’organismo pastorale della Cei, e riportava le condizioni scritte dal donante: “Pro anziani, malati, al freddo o alla fame, italiani da sempre, in primis! Gli stranieri per ultimi!”.

Il fatto è stato rivelato da don Gino Cicutto, a capo della collaborazione pastorale di San Nicolò e San Marco a Mira (Venezia), sul foglio parrocchiale, che però non ha gradito ed anzi ha invitato l’anonimo a riprendersi i suoi soldi.

“Quanto era scritto sulla busta – scrive don Cicutto – mi ha profondamente amareggiato e umiliato. Queste parole ripropongono slogan che siamo abituati a sentire, ma non hanno niente a che fare con la fede e la vita cristiana che considera i più poveri tra i primi, senza guardare il colore della pelle o la provenienza.

La persona che ha scritto queste parole deve interrogarsi seriamente sul suo essere cristiano, e se non è d’accordo su quello che è la vera carità, può passare per la canonica a riprendersi la sua ‘offerta’; eventualmente può consegnarla a chi la pensa come lui, ma non deporla davanti al Signore”, chiosa il parroco.

Loading...
Potrebbero interessarti

Roma, aggredito con un’ascia per uno sguardo di troppo

Storia di ordinaria follia quella che arriva da Roma, dove, catapultati indietro…

Unioni civili, Orlando: sono favorevole alle adozioni

Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando in un’intervista rilasciata al quotidiano La…