Vinile: è il supporto analogico più amato di sempre?

Redazione

Le nuove generazioni sono nate e cresciute con la musica digitale, ma chi ha più di trent’anni ha sperimentato i supporti analogici.

Le “classiche” musicassette, certo, ma il supporto analogico per eccellenza è senza dubbio il celeberrimo ed indimenticabile disco in vinile, che ha caratterizzato un’epoca.
Il vinile è stato ufficialmente introdotto nel 1948 dalla Columbia records negli Stati Uniti d’America come evoluzione del precedente disco a 78 giri, dalle simili caratteristiche, realizzato in gommalacca.

Vinile sta per PoliVinilCloruro o Cloruro di polivinile, un polimero plastico, e per la sua riproduzione sonora viene impiegato un giradischi collegato a un amplificatore.
Più nello specifico, l’informazione sonora viene letta per mezzo di una puntina, in diamante o altro materiale sintetico, posta sul solco inciso.

La rotazione del disco fa sì che la puntina generi vibrazioni derivanti dall’irregolarità del solco che, per mezzo dello stilo su cui è montata, vengono portate ad un trasduttore montato su un braccio di lettura.

I dischi sono stati prodotti in vari formati e con varie velocità di rotazione. I tipi più comuni sono: 16 giri, 33 giri, 45 giri e 78 giri.

Naturalmente il suono riprodotto in modo meccanico e analogico produce una serie di imperfezioni e quindi è imparagonabile rispetto alle moderne tecnologie, ma è proprio questo che lo rende unico.

Next Post

Alghero: multato, aveva un finestrino aperto nel parcheggio

C’è un caldo infernale e non volete, parcheggiando la vostra auto, che al ritorno assomigli a un forno? Bene, ma attenzione a lasciare i finestrini abbassati: vi potreste ritrovare con una multa sul cruscotto. Strano ma vero, come racconta una bizzarra storia che viene da Alghero: un 77enne nato a […]
Alghero multato aveva un finestrino aperto nel parcheggio