Vita aliena: Il SETI fa delle rivelazioni preoccupanti

Redazione

Indagine SETI su 10 milioni di stelle fornisce risultati preoccupanti.

Gli astronomi che scansionano l’Universo alla ricerca di segni di tecnologia aliena hanno completato un’indagine su 10 milioni di sistemi stellari, ed i risultati sono preoccupanti.

The Search for Extraterrestrial Intelligence (SETI) è uno sforzo internazionale che unisce alcune delle menti più brillanti del mondo e una tecnologia all’avanguardia. Dagli anni ’60, gli astronomi hanno ascoltato lo spazio in un’ampia gamma di frequenze radio nella speranza di rilevare segnali alieni . E secondo il SETI Institute negli Stati Uniti, la ricerca della vita extraterrestre è “appena iniziata”.

L’Istituto si è domandato: “Siamo soli nell’universo? Esistono civiltà avanzate che possiamo rilevare e quale sarebbe l’impatto sulla società se lo facessimo?

Come possiamo migliorare le probabilità di stabilire un contatto? Queste domande sono sia fondamentali che universali“.

Tuttavia, affinché gli astronomi trovino prove di vita aliena in un sistema stellare distante, deve almeno corrispondere alla tecnologica della fine del XX secolo.

Vita aliena Il SETI fa delle rivelazioni preoccupanti

I semplici organismi e le civiltà aliene nelle prime fasi di sviluppo non avranno i mezzi per spazzare i cieli notturni alla ricerca di segnali radio.

Sfortunatamente, un’indagine telescopica recentemente completata su circa 10 milioni di sistemi stellari potrebbe aver deluso le speranze di trovare presto la vita aliena.

Il sondaggio è stato condotto dal Murchinson Widefield Array (MWA) nell’entroterra australiano.

Il radiotelescopio ha scansionato i cieli vicino alla costellazione della Vela in quella che è stata definita la più ampia ricerca SETI finora.

I risultati del sondaggio sono stati pubblicati questa settimana in Publications of the Astronomical Society of Australia.

La cattiva notizia è che non sono stati rilevati segni di tecnologia aliena in questa parte dell’Universo.

La ricerca è stata condotta dall’astronomo del Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation (CSIRO) Dr Chenoa Tremblay e dal professor Steven Tingay, dal nodo della Curtin University dell’International Center for Radio Astronomy Research (ICRAR).

Secondo il dottor Tremblay, il telescopio MWA ha cercato potenti frequenze radio simili a segnali radio FM.

Tali segnali potrebbero essere un segno infallibile che non siamo soli e sono conosciuti come “tecnofirme“.

All’altra estremità dello spettro, gli astronomi alla ricerca di vita aliena stanno guardando i pianeti per le cosiddette “firme biologiche“.

Il dottor Tremblay ha dichiarato: “L’MWA è un telescopio unico, con un campo visivo straordinariamente ampio che ci consente di osservare milioni di stelle contemporaneamente“.

Abbiamo osservato il cielo intorno alla costellazione di Vela per 17 ore, o più di 100 volte più ampio e profondo che mai. Con questo set di dati, non abbiamo trovato alcuna tecnofirma, nessun segno di vita intelligente“.

E nonostante gli sfortunati risultati, il professor Tingay ha dichiarato: “Come ha osservato Douglas Adams nella Guida galattica per autostoppisti,” lo spazio è grande, davvero grande “.

E anche se questo è stato uno studio davvero grande, la quantità di spazio che abbiamo esaminato è stata l’equivalente di cercare di trovare qualcosa negli oceani della Terra, ma solo cercare un volume d’acqua equivalente a una grande piscina nel cortile“.

Dal momento che non possiamo davvero presumere come le civiltà aliene possano utilizzare la tecnologia, abbiamo bisogno di cercare in molti modi diversi“.

Usando i radiotelescopi, possiamo esplorare uno spazio di ricerca a otto dimensioni. Anche se c’è molta strada da fare nella ricerca di intelligenza extraterrestre, telescopi come il MWA continueranno a spingersi oltre i limiti: dobbiamo continuare a cercare“.

Ma non tutte le speranze sono perse poiché l’MWA è il precursore di un radiotelescopio ancora più grande, lo Square Kilometre Array (SKA).

Il progetto da 1,55 miliardi di sterline (1,7 miliardi di euro) includerà telescopi nell’Australia occidentale e nell’Africa meridionale.

Il professor Tingay ha dichiarato: “A causa della maggiore sensibilità, il telescopio a bassa frequenza SKA che sarà costruito nell’Australia occidentale sarà in grado di rilevare segnali radio simili alla Terra da sistemi planetari relativamente vicini“.

Con lo SKA, saremo in grado di esaminare miliardi di sistemi stellari, cercando le firme tecnologiche in un oceano astronomico di altri mondi“.

Next Post

Creature sconosciute scoperte sotto l'Antartide

Gli specialisti che stanno studiando l’Antartide sono rimasti sorpresi dalle scoperte fatte sotto i ghiacci. Si trovavano nella parte più profonda dell’Oceano Antartico, a una profondità di circa 5000 metri. Cercando di capire il più possibile sull’Antartide, ci sono circa 1.000 scienziati che vivono oggi nel continente. Alcuni dei progetti erano finalizzati […]
Creature sconosciute scoperte sotto Antartide