Vita oltre la morte, uomo afferma: ho sentito la scossa di Dio

Redazione

L’uomo che ha avuto un’esperienza pre-morte durante un intervento chirurgico ha confermato di aver sentito la “scossa da Dio” che lo ha fatto sentire tutt’uno con l’Universo.

Un uomo, di nome James, ha rivelato che durante un intervento chirurgico a seguito di un infarto, è riuscito ad intravedere l’aldilà. James ha spiegato come la sua esperienza non sembrasse avere un inizio, ma “Mi è sembrato solo diventare consapevole“.

Durante la sua esperienza di pre-morte (NDE), James ha dichiarato che non c’era nulla di reale prima di sentire una vera e propria “scossa fisica“, che secondo lui proveniva da Dio. A quel punto, James ha riferito di essersi sentito un tutt’uno con l’Universo.

Esperienza pre morte la scossa di Dio

Scrivendo per la Near Death Experience Research Foundation (NDERF), James ha dichiarato: “Ero in un vuoto totalmente nero, senza luce e silenzioso. In qualche modo, mi è stata data una scelta. Non so chi o cosa mi abbia dato la scelta, era più come se sapessi che era una scelta“.

Se sceglievo di andare a destra, sapevo che c’era pace e serenità. Potevo sentirlo. A sinistra c’era la mia vita, che era come una strada di vetri rotti“.

Ho pensato a mia moglie e ho deciso che non ero ancora pronto per andare a destra. Non appena ho pensato alla mia famiglia, ho sentito una scossa fisica, che era una sensazione molto fisica. È stato molto diverso dall’esperienza fino ad allora“.

La scossa, ho capito subito, era il tocco di Dio. In quel momento, ho sentito una connessione con tutto ciò che mai è esistito o sarebbe mai esistito“.

Per qualche ragione, associo la parola ‘viola’ a questo, ma non ho idea del perché. Dopo la scossa e l’unione con l’universo, ho seguito quella che pensavo fosse la voce di mia moglie che mi chiamava. L’ho seguito dall’oscurità e di nuovo nel mondo.”

Alcuni ricercatori ritengono che le visioni dell’aldilà siano un fenomeno normale e non necessariamente un segno di vita dopo la morte.

Il dott. Sam Parnia, direttore delle ricerche di terapia intensiva e di rianimazione alla NYU Langone School of Medicine di New York City, ha dichiarato in una conferenza: “Le persone descrivono la sensazione di una luce luminosa, calda e accogliente che attira le persone verso di essa“.

Descrivono la sensazione di sperimentare i loro parenti defunti, quasi come se fossero venuti ad accoglierli. Spesso dicono che non volevano tornare in molti casi, è così comodo ed è come una calamita che li attira“.

Molte persone descrivono la sensazione di separarsi da se stessi e di osservare medici e infermieri che lavorano su di loro“.

La dott.ssa Parnia ha affermato che ci sono spiegazioni scientifiche per la reazione e afferma che vedere le persone non è una prova dell’aldilà, ma è più probabile che il cervello si stia scansionando come una tecnica di sopravvivenza.

Next Post

Coronavirus anche negli Stati Uniti, fine della cospirazione?

I segni che l’epidemia di coronavirus negli Stati Uniti potrebbe trasformarsi in un problema su larga scala stanno crescendo. Solo nello stato di Washington, i casi potrebbero rapidamente aumentare tra 64.000 e 250.000 se non verranno messe in atto misure di protezione, secondo il governatore Jay Inslee.  “Il 1 ° gennaio a Wuhan […]
Coronavirus anche negli Stati Uniti fine della cospirazione