Vittorio Sgarbi e la sua miseria pensione

Ci sono persone, migliaia se non decine di migliaia, che non hanno i requisiti per avere la pensione, altrettante che ricevono un assegno talmente misero da essere costrette a rivolgersi alla Caritas anche per i pasti: la situazione attuale dell’Italia è tragica, con milioni di persone al di sotto della soglia di povertà, molti dei quali anche bambini.

Poi ci sono i ricchi, i privilegiati, gente che si è guadagnata quel che ha, nessuno vuol metterlo in dubbio, anche se alcune volte determinate “uscite” fanno pensare.

Vittorio Sgarbi, famoso critico d’arte, ha appena maturato il diritto alla pensione, statale e ha tenuto a far sapere che in realtà, con tale pensione, non riuscirebbe neppure a coprire le spese che ha mensilmente.

Sgarbi dal 2019, a 66 anni, andrà in pensione dopo 50 anni di contributi versati come funzionario dei Beni Culturali ma, ciò che ha destato maggior scalpore, è che sono ben 33 anni – dal 1985 – che è in aspettativa.

Vittorio Sgarbi ha raccontato in una lunga intervista a Panorama che la sua pensione sarà tra i 2.500 e i 3.500 al mese, sebbene lui – mensilmente – ne spenda oltre 30 mila tra affitto (7 mila euro), assistenti e dipendenti della sua Fondazione.

Loading...
Potrebbero interessarti

Luiss, la dottoressa più giovane ha soli 21 anni

In un’Italia in cui si parla tanto di bamboccioni, di giovani che…

Sciopero della scuola, contro il ddl di Renzi

Oggi martedì cinque maggio è stato indetto uno sciopero da parte di…