Yemenita in carcere per tredici anni, ma è scambio di persona
Yemenita in carcere per tredici anni

È successo nel carcere di Guantanamo, Cuba, dove il semplice combattente islamico Mustafa al-Aziz al-Shamiri ha trascorso 4745 giorni dietro le sbarre; si tratta di un trentasettenne yemenita che nel 2002 è stato arrestato perché ritenuto membro di Al Quaeda;

tuttavia, dai documenti prodotti dal comitato governativo Periodic Review Board si legge che al-Aziz al- Shamiri potrebbe essere stato quindici anni in galera senza una colpa effettiva: si tratterebbe dunque di un gravissimo scambio di persona che però ha portato a conseguenze estreme; le autorità, in merito al madornale sbaglio, hanno affermato che “si è trattato di un errore di identità”, spiegando che “è stata fatta confusione sul suo nome”. Stando a quanto riportato nel documento, “Mustafa Abd-al-Qawi Abd-al-Aziz al-Shamiri, ha combattuto nelle fila jihadiste associate ai membri di Al Qaeda inAfganistan”

Ma poi la precisazione: “Crediamo che tutte queste attività siano state svolte da estremisti noti con nomi o alias simili“, e dunque non c’è nessuna prova “del coinvolgimento in queste azioni di Mustafa Abd-al-Qawi”. adesso il comitato sta decidendo se rilasciarlo o meno dalla prigione di massima sicurezza di Guantanamo.

Loading...
Potrebbero interessarti

Conosciuto su Tinder, non era una cena romantica ma ben altro

Un episodio accaduto attraverso il famoso portale di incontri online Tinder, una…

Destino: impossibile cambiarlo, ecco un esempio

Per quanto possiamo sforzarci, il nostro destino è segnato. E’ davvero segnato…