Russia: “Erdogan e la sua famiglia coinvolti in traffico petrolio Isis”
Russia Erdogan traffico petrolio Isis

Le tensioni tra Russia e Turchia sembrano non avere mai un epilogo: l’ultima accusa proviene da Anatoli Antonov, vice ministro della Difesa russo,: “Il presidente turco e la sua famiglia” e “le più alte autorità politiche turche sono coinvolti nel business criminale del traffico illecito di petrolio”; Stando a quanto affermato da Antonov, il paese balcanico è “il consumatore principale di questo petrolio rubato ai proprietari legittimi della Siria e dell’Iraq”.

Parole pesanti sostenute dalla tesi del ministro: «Gli introiti derivati dalla vendita di petrolio, circa due miliardi di dollari, è una delle più importanti fonti di finanziamento delle attività terroristiche in Siria»[…] «Quelle a nostra disposizione sono solo una parte delle informazioni sugli orribili crimini commessi dai funzionari turchi, che finanziano direttamente il terrorismo internazionale»

Inoltre, a supporto dell’ipotesi formulata da Antonov, il fatto che il genero del presidente turco Berat Albayark è stato nominato per il posto di ministro dell’Energia: “Non ponete domande sul fatto che i figli del presidente turco si rivelano essere i dirigenti di una delle principali compagnie energetiche e che uno dei figli è stato nominato ministro dell’Energia? Quale meravigliosa impresa famigliare!” ha commentato sarcastico.

Potrebbero interessarti

Tragedia Nepal sotto le macerie i sopravvissuti al sisma

La tragedia in Nepal non ha limiti, la conta dei morti sale…

Giappone, case in regalo nelle città fantasma

Da qualche ora, sui social, sta rimbalzando una strana notizia: in Giappone…