Russia: “Erdogan e la sua famiglia coinvolti in traffico petrolio Isis”

Redazione

Le tensioni tra Russia e Turchia sembrano non avere mai un epilogo: l’ultima accusa proviene da Anatoli Antonov, vice ministro della Difesa russo,: “Il presidente turco e la sua famiglia” e “le più alte autorità politiche turche sono coinvolti nel business criminale del traffico illecito di petrolio”; Stando a quanto affermato da Antonov, il paese balcanico è “il consumatore principale di questo petrolio rubato ai proprietari legittimi della Siria e dell’Iraq”.

Parole pesanti sostenute dalla tesi del ministro: «Gli introiti derivati dalla vendita di petrolio, circa due miliardi di dollari, è una delle più importanti fonti di finanziamento delle attività terroristiche in Siria»[…] «Quelle a nostra disposizione sono solo una parte delle informazioni sugli orribili crimini commessi dai funzionari turchi, che finanziano direttamente il terrorismo internazionale»

Inoltre, a supporto dell’ipotesi formulata da Antonov, il fatto che il genero del presidente turco Berat Albayark è stato nominato per il posto di ministro dell’Energia: “Non ponete domande sul fatto che i figli del presidente turco si rivelano essere i dirigenti di una delle principali compagnie energetiche e che uno dei figli è stato nominato ministro dell’Energia? Quale meravigliosa impresa famigliare!” ha commentato sarcastico.

Next Post

Spagna, annullata la dichiarazione di indipendenza della Catalogna

L’annuncio proviene dal giornale spagnolo online El Pais: La Corte Costituzionale di Madrid ha oggi ufficialmente bocciato la dichiarazione di indipendenza della Catalogna, la regione spagnola di cui fa parte Barcellona; una richiesta che era stata approvata il 9 novembre dai deputati della coalizione Junts pel Sì e dai comunisti […]
Spagna annullata dichiarazione di indipendenza Catalogna