Addio al cantautore Gianmaria Testa

Lui stesso aveva annunciato il suo male poco meno di un anno fa, ad un’età in cui certe brutte malattie sono ancora troppo mortali e il loro decorso spesso non lascia scampa, ed è così, che a soli 57 anni, siamo costretti a dire addio a Gianmaria Testa.

Uno dei pochi, veri, ultimi cantautori italiani, ma residente da anni a Parigi, dove si è spento nella mattina di ieri.

«Per mesi non ho detto niente perché avevo paura di rompere le scatole alla gente. Alla fine mi sono reso conto che è meglio raccontare, è meglio spiegare. Ho un tumore, non è operabile. I medici mi hanno detto che nei prossimi mesi devo annullare ogni altro impegno che non sia curarmi», aveva raccontato in una intervista a Repubblica lo scorso maggio.

La sua pagina Facebook lo ha annunciato con un messaggio stringato: “Gianmaria se n’è andato senza fare rumore. Restano le sue canzoni, le sue parole. Resta il suo essere stato uomo dritto, padre, figlio, marito, fratello, amico”.

Nato nel 1958 a Cavallermaggiore, nel Cuneese, Testa inizia a lavorare come ferroviere: è capostazione allo scalo ferroviario principale di Cuneo. In breve tempo però decide di concentrarsi sulla sua passione, la musica: otto dischi – Montgolfières (1995), Extra-Muros (1996), Lampo (1999), Il valzer di un giorno (2000), Altre Latitudini (2003), Da questa parte del mare (2006), il live «SOLO – dal vivo» (2009), Vitamia (2011) e l’ultimo live, Men at work (2013) – e più di 3000 concerti in Francia, Italia, Germania, Austria, Belgio, Canada, Stati Uniti, Portogallo.

Tantissimi i fan che stanno esprimendo il loro cordoglio ricordando la sua attenzione per gli ultimi dai migranti ai poveri e si stanno stringendo attorno al dolore silenzioso della sua famiglia.

Loading...
Potrebbero interessarti

Uno Mattina, per fortuna Franco Di Mare si è già ripreso

Nelle scorse ore c’è stata molto paura intorno alle condizioni di salute…

David Beckham preso a pugni in faccia dal figlio

Sarà un ex campione del Manchester United e della nazionale inglese, sarà…