Alla ricerca dell’immortalità, gli incredibili esperimenti russi

L’uomo ha sempre cercato una risposta alla “vita eterna”. Nei tempi antichi esistevano riti, antiche pratiche e persino la religione parlava del Sacro Graal come fonte di vita eterna.

Oggi i nostri obiettivi non sono cambiati ma i metodi sono diventati significativamente più impressionanti attraverso prodotti farmaceutici, nanotecnologie e persino l’immortalità quantistica. Una delle principali teorie per l’immortalità era il trapianto cognitivo.

Il concetto è semplice: il cervello è la sede della coscienza e delle capacità cognitive, e quindi quando il corpo muore, semplicemente si passi il cervello ad un altro corpo. Il problema è che i pionieri di teorie del genere erano anche un po ‘pazzi, come nel caso di Vladimir Demikhov, uno scienziato sovietico e pioniere dei trapianti di organi a metà del XX secolo.

L’esperimento russo dei cani a due teste

Il lavoro di Vladimir è iniziato con una serie di trapianti di organi in animali, tra questi il trapianto di un cuore in un animale e la sostituzione di un polmone. Quindi ha iniziato quello che è stato il suo risultato più impressionante e orribile: il trapianto di teste intere. Prima ha scambiato con successo le teste di due cani, ed infine l’ultima impresa fu quella di creare un cane a due teste vivente.

Sebbene Vladimir Demikhov sia morto nell’oscurità nel 1998, i suoi raccapriccianti esperimenti sono stati l’ispirazione per Robert Joseph White, un neurochirurgo americano che ha eseguito con successo esperimenti simili con le teste delle scimmie.

In tutti i casi in cui le teste degli animali sono state rimosse e quindi ricollegate a un altro corpo, gli animali erano in grado di annusare, assaggiare, ascoltare e vedere il mondo che li circonda, ma rimangono completamente paralizzati.

La maggior parte delle fonti affermerà chiaramente che “nessun essere umano è noto per aver subito tale procedura“.

L’Istituto del cervello di Mosca e il Secret Brain Lab russo

La Russia ha una lunga storia di sperimentazione/comportamentale generalmente legate al cervello ed in gran parte documentata. Nel 1927 il neurologo russo Vladimir Bekhterev concepì quello che chiamava il Pantheon dei cervelli.

Il concetto generale era quello di sviluppare una scienza nota come citoarchitettura cerebrale per far si che i cervelli potessero essere mantenuti in vita indefinitamente. Questo non era solo un ideale per Bekhterev, infatti gli fu concesso il permesso ed i relativi finanziamenti che gli permisero di aprire una delle agenzie più segrete della Russia, l’Istituto del cervello di Mosca.

Sebbene non ci sia conoscenza formale di una collezione di cervelli viventi all’interno, l’Istituto del cervello di Mosca esiste ancora oggi e ospita i cervelli del poeta russo Vladimir Mayakovsky e Vladimir Lenin. I nomi dei precedenti proprietari di cervelli ospitati presso l’istituto sono un segreto ben custodito, ma il commissario per la sanità pubblica Nikolai Semashko ha scritto che la collezione comprendeva “sei cervelli russi, due tatari, chuvash, armeni, georgiani, ebrei e turchi“.

Negli ultimi anni sono state scoperte le più orribili sperimentazione della Russia con il cervello umano. Un gruppo di esploratori ha scoperto un laboratorio scientifico abbandonato e sigillato, un tempo appartenente all’esercito russo.

All’interno del laboratorio sarebbero stati rinvenuti cervelli immagazzinati in barattoli, il cervello diviso in diapositive e file su file di documenti che delineavano le ricerche più inquietanti. Tuttavia, la loro scoperta non è mai stata confermata ufficialmente e viene definita “leggenda urbana”. Le immagini sono comunque molto controverse, e se sono reali a cosa stavano lavorando questi scienziati della guerra fredda che non potevano essere condotti formalmente all’Istituto del cervello di Mosca?

Loading...
Potrebbero interessarti

Infettavano i pc attraverso false mail Enel, chiusi 17 siti

Difendersi dalle minacce informatiche che oramai arrivano da ogni luogo e dispositivo…

USA, attacco hacker OPM. Rubati oltre 5,6 mln di impronte digitali

Il bilancio dell’attacco hacker ai danni dell’ufficio della gestione del personale americano,…