Anas, crescita dei transiti per l’esodo ma nessun problema

Alla fine anche il primo week end del mese di agosto si è concluso: in molti sono partiti per il grande esodo estivo verso le località di vacanze, e sulle autostrade italiane effettivamente si è registrato un grande afflusso, ma alla fine per fortuna tutto è andato per il verso giusto, senza troppi disagi.

Sulla rete Anas, sono stati numerosi gli spostamenti di breve percorrenza sulla viabilità secondaria dove il traffico è stato intenso con rallentamenti ed alcune code concentrati al mattino e nel pomeriggio-tarda serata nei pressi delle località turistiche costiere, collinari e montane

Invece torna alla normalità la circolazione sull’A3 “Salerno-Reggio Calabria” nel secondo week end di bollino rosso dell’esodo estivo 2015. Già dalle ore 17,30 di sabato in considerazione della riduzione dei flussi di traffico in direzione sud è stato ripristinato il doppio senso di circolazione tra gli svincoli di Laino Borgo e Mormanno. Nel complesso non si sono registrate particolari criticità in una giornata a traffico molto intenso.

Si confermano strade delle vacanze, con i maggiori flussi di traffico, la statale 36 ‘del lago di Como e dello Spluga’ in Lombardia, l’itinerario E45 verso Forlì-Cesena, la strada statale 309 ‘Romea’ in Veneto ed Emilia Romagna, la statale 20 ‘del colle di Tenda’, la strada statale 51 ‘di Alemagna’, le intere dorsali ‘Adriatica’, ‘Jonica’, ‘Tirrena inferiore’ e ‘Tirrena superiore’, l’Aurelia in Toscana e nel Lazio, l’Appia nel Lazio ed in Campania, le autostrade A90 e A91 del Grande raccordo anulare e ‘Roma-Fiumicino’, la statale 113 ‘Settentrionale Sicula’, l’autostrada ‘Palermo-Mazara del Vallo’ A19 e la tangenziale di Catania, in Sicilia.

Anas informa inoltre che i dati di transito sulla sua rete stradale e autostradale di 25 mila km confermano il trend di significativa crescita dei flussi di circolazione dell’esodo 2015 rispetto allo stesso periodo del 2014.

Loading...
Potrebbero interessarti

Tumore al seno, sperimentata in Italia rivoluzionaria tecnica chirurgica

In Italia il carcinoma della mammella è il tumore maligno più comune…

Fratelli D’Italia, propaganda antigender usando una vittima dell’omofobia

Dinanzi a una notizia del genere noi non ce la sentiamo di…