Ancora qualche chilo e la tenerissima orsetta Morena potrà tornare libera

Redazione

Miele, cereali, muesli, pane, carne macinata, crocchette per cani, uova, bigattini, frutta, insalata di cui è ghiotta, sono stati tutti questi gli ingredienti utilizzati con l’unico scopo di fare ingrassare la piccola Morena, cucciola di orso maesicano abbandonata, forse, dalla mamma quando pesava nemmeno due chili. L’oretta marsicana, ritrovata lo scorso mese di luglio, è stata salvata da morte certa e messa all’ingrasso e adesso, tempo permettendo e soprattutto se riuscirà a raggiungere il peso giusto ovvero 35 chili, la tenerissima orsetta verrà resa libera nei boschi del Parco Nazionale d’Abruzzo i primi del mese di novembre.

Il direttore del Parco nazionale d’Abruzzo, Dario Febbo, ha dichiarato “Si tratta di una sfida che il Parco ha voluto affrontare ci stiamo cimentando in un’attività molto nuova. Abbiamo consultato i migliori esperti al mondo per quanto riguarda le metodologie da seguire. I nostri addetti di tutti i settori stanno dando del loro meglio per fare in modo che questa iniziativa possa avere un esito positivo. Le possibilità di fallimento, in ogni caso, sono molto elevate, a causa dei vari problemi di carattere etologico ed ecologico”.

Non ci rimane che attendere ancora un mese circa nella speranza che tutto vada bene e la piccola orsetta possa essere rilasciata.

Next Post

Luiss App, un ateneo nello Smartphone

E così arriva pure la Luiss App, un’intera università, o quasi, contenuta nello smartphone. La novità ci sarà da ottobre 2015 e sarà disponibile ovviamente per gli studenti di una delle università private italiane più famose, la Luiss. L’applicazione sarà disponibile per Android e IOS di Apple, e potrà essere […]
Luiss App, un ateneo nello Smartphone