Apple: Tim Cook difende la privacy dei pagamenti

Redazione

Il CEO di Apple, Tim Cook, ha affermato questo venerdì nella causa legale di Epic contro Apple che la società protegge la privacy e la sicurezza dei suoi utenti e che non può garantirla se consente pagamenti in altri sistemi, difendendosi dalle accuse di Epic, che assicura che la società si impegna in pratiche monopolistiche.

Tim Cook è stato interrogato dal giudice Yvonne Gonzalez Rogers venerdì scorso nell’ambito del processo di Epic contro Apple, iniziato all’inizio di maggio a causa della denuncia presentata dallo sviluppatore di Fortnite dopo che Apple aveva rimosso tutte le sue app dall’App Store perché Epic aveva creato un sistema di pagamento alternativo.

Apple Tim Cook difende la privacy dei pagamenti
foto@Flickr

Secondo quanto riportato da CNN Business, il CEO di Apple ha risposto alle domande del suo stesso avvocato secondo cui la società ha investito decine di miliardi di dollari in ricerca, privacy e sicurezza e che hanno una “concentrazione maniacale sull’utente“.

Epic ha difeso durante il processo che le pratiche di addebito di commissioni nelle acquisizioni all’interno delle app, così come altre azioni scoperte nelle e-mail rivelate, tengono conto delle pratiche monopolistiche svolte da Apple nel suo negozio e dell’intenzione di bloccare gli utenti in un suo ecosistema rimuovendo servizi esterni.

Cook ha affermato questo venerdì che dare più potere di azione agli utenti creerebbe rischi e che coloro che scelgono di utilizzare dispositivi iOS lo fanno per evitare di dover prendere decisioni rischiose riguardo ai propri dati, secondo The Verge.

Cerchiamo di offrire ai consumatori una soluzione integrata per hardware, software e altri servizi“, ha detto Cook al giudice. Il CEO ha affermato di non ritenere che questo pacchetto di servizi potesse essere replicato in altre app di terze parti.

Epic ha risposto che gli utenti possono bloccare i propri telefoni e che potrebbero accedere ad altri negozi di servizi con controlli della privacy più severi e applicazioni più selezionate se Apple decidesse di consentire tali pratiche.

Il giudice ha anche chiesto spiegazioni a Cook sul motivo per cui addebitano ai giocatori acquisti all’interno delle app di altri servizi, secondo The Verge, e ha chiesto perché non addebitano allo stesso modo per le transazioni effettuate nelle banche, a quanto ha risposto il CEO che lo fanno solo per la vendita di beni digitali.

Il giudice, tuttavia, si è opposto al fatto che sembra che l’industria dei videogiochi stia “sovvenzionando il resto” a causa della quantità di denaro “sproporzionata” che generano in relazione alla performance economica della proprietà intellettuale, in riferimento al resto delle applicazioni gratuite nell’App Store.

Cook ha riconosciuto che la maggior parte delle applicazioni nel suo negozio digitale sono gratuite e che si può capire che esiste un qualche tipo di sussidio. Ma ha sottolineato che proprio perché sono tanti, “il traffico del negozio aumenta notevolmente, in modo tale che il vantaggio che si ottiene è un pubblico molto più ampio a cui vendere di quanto sarebbe stato se non ci fossero applicazioni gratuite“.

Il giudice ha anche sottolineato l’importanza della concorrenza per Apple e il fatto che l’azienda non ce l’ha negli acquisti integrati. A questo proposito, Cook ha specificato che la riscossione della commissione dipende dal profitto minore o maggiore che ottengono dalla piattaforma (rispettivamente 15 o 30 percento).

fonte@EuropaPress

Next Post

Polizia ferma una Tesla, c'era il pilota automatico

La città di Kenosha, nel Wisconsin USA è diventata in rete per un episodio accaduto alla polizia, nello specifico quando gli agenti hanno fermato una Tesla Model 3. L’auto si muoveva lungo un’autostrada intercity a più corsie ad alta velocità di circa 130 km/h. Il conducente dormiva al volante, tutto […]
Polizia ferma una Tesla era il pilota automatico