Autocertificazione, sai di cosa si tratta

Redazione

Storicamente avere a che fare con la Pubblica Amministrazione, qualunque era lo scopo e la richiesta avanzata, ha sempre significato file enormi e lungaggini incredibili, spesso legate alla richiesta di documenti, anche quelli comunemente detenuti dagli stessi uffici.

Per fortuna la più recente normativa è intervenuta con l’introduzione, provvidenziale aggiungeremmo noi, delle autocertificazioni: di cosa si tratta?

L’autocertificazione altro non è che una dichiarazione che l’interessato sottoscrive nel proprio interesse su stati, fatti e qualità personali.

Dichiarazioni sottoscritte dall’interessato, ma la cui firma non deve essere più autenticata.

Tramite le autocertificazioni il cittadino può sostituire, per ragioni di semplificazione, certificati che siano stati a lui richiesti dagli uffici della P.A., da gestori di servizi pubblici o anche da soggetti privati.

Generalmente sono usate per comprovare il luogo di nascita, la residenza, lo stato civile (celibe, coniugato, vedovo), la cittadinanza, lo stato di famiglia, e molto altro.
La pubblica amministrazione ha l’obbligo di accettarle, riservandosi però la possibilità di controllo e verifica in caso di sussistenza di dubbi sulla veridicità del loro contenuto.

Next Post

Caccia, sai quando è legale in Italia?

Per gli amanti della animali, la caccia, soprattutto quella fatta per sport, è una delle pratiche più bieche ed inutili, eppure sono tanti gli appassionati che, armati delle armi e delle trappole più svariate, si mettono alla ricerca delle prede . Per fortuna, in Italia, non si può cacciare sempre, […]
Caccia sai quando legale in Italia