Benessere mentale: Tre sono i fattori principali

Redazione

Esistono tre i fattori storicamente legati al benessere fisico e, soprattutto, mentale: riposo, attività fisica e alimentazione. Ciò che non si sa invece esattamente, è in quale ordine questi tre comportamenti influenzano la salute e come sono correlati.

Ma ora un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Otago, in Nuova Zelanda, ha analizzato le associazioni differenziali e di ordine superiore tra sonno, attività fisica e alimentazione come predittori di salute mentale e benessere in giovani adulti.

Benessere mentale Tre sono i fattori principali

In questo studio, 1.111 giovani adulti (il 28,4% erano uomini) di età compresa tra 18 e 25 anni provenienti dalla Nuova Zelanda e dagli Stati Uniti hanno risposto a un sondaggio online che ha valutato la quantità e la qualità abituali dell’attività fisica e del sonno, consumo di frutta e verdura crude e lavorate, fast food, caramelle e bevande analcoliche, insieme ad altre informazioni (inclusi dati demografici, stato socioeconomico, indice di massa corporea , consumo di alcol, fumo e condizioni di salute) e misure dei sintomi depressivi , secondo la Scale of the Center for Epidemiological Depression (CES-D) and Well-being.

La maggior parte dei partecipanti non aveva problemi di salute (69,8%), il 20% assumeva antidepressivi , il 6,8% si identificava come vegetariano o vegano , il 16,6% era allergico al cibo e l’8,5% fumava regolarmente . Il 61% dei partecipanti ha frequentato l’università (60,8%).

I risultati, tenendo conto di tutte le varianti, hanno suggerito che la qualità del sonno fosse il più forte predittore dei sintomi depressivi e del benessere, seguito dalla dall’attività fisica . Solo un fattore dietetico, il consumo di frutta e verdura crude, prediceva un maggiore benessere, ma non riduceva i sintomi depressivi durante il controllo di tutte le altre varianti.

I ricercatori hanno concluso che la qualità del sonno è un predittore essenziale della salute mentale e del benessere nei giovani adulti, mentre l’attività fisica e la dieta sono fattori secondari ma importanti. Questi modelli suggeriscono che i futuri interventi di salute mentale dei giovani adulti potrebbero dare la priorità alla qualità del sonno per massimizzare il loro benessere .

Nel corso degli anni è stato dimostrato che il sonno inadeguato o interrotto influisce negativamente sulla salute fisica e mentale. E, infatti, è un fattore di rischio per la depressione e l’ansia. In questo studio viene evidenziato il contributo relativo del sonno, dell’attività fisica e della dieta alla previsione dei sintomi depressivi, ed i risultati suggeriscono che futuri interventi sullo stile di vita mirati alla qualità del sonno potrebbero essere più utili per migliorare salute mentale e benessere.

Tuttavia, l’attività fisica e la dieta non dovrebbero essere ignorate, soprattutto perché predicevano anche differenze nei sintomi depressivi (attività fisica) e nel benessere (attività fisica e assunzione di frutta e verdura cruda). Il sonno, l’attività fisica e una dieta sana dovrebbero essere visti come strumenti per promuovere una salute mentale e un benessere ottimali , in particolare tra le popolazioni di giovani adulti, dove la prevalenza dei disturbi mentali è alta e il benessere non è ottimale“, affermano i ricercatori.

Next Post

Dal primo Motorola agli smartphone intelligenti: come i cellulari hanno stravolto le nostre vite

Era il 1983 quando Motorola, per la prima volta, mise in commercio il suo DynaTAC 8000X, evoluzione di un progetto iniziato 10 anni prima e destinato a cambiare la storia dell’uomo. Da quel rudimentale modello capace di offrire “ben” 30 minuti di conversazione, si è giunti nel giro di una […]
come i cellulari hanno stravolto le nostre vite