Beppe Fiorello condurrà Sanremo 2018?

Fino a poche ore fa non si sapeva neppure chi sarebbe stato il nuovo direttore artistico della kermesse canora più famosa dello stivale, ed invece ora non si parla d’altro: quando inizierà ufficialmente? Chi sarà il conduttore o i conduttori? Quali saranno le novità della nuova edizione che spingeranno il pubblico a restare attaccato alla tv?

L’edizione 2018 del Festival di Sanremo si svolgerà al Teatro Ariston dal 6 al 10 febbraio, seguita l’11 dal consueto epilogo della Domenica In «canterina».

Questa è una delle poche certezza della kermesse, insieme al fatto che la direzione artistica sarà affidata ad una star della musica italiana come Claudio Baglioni: l’ultimo direttore artistico a sette note era stato Tony Renis.

L’idea – a quanto si apprende – sarebbe affidare a Baglioni non solo la direzione artistica, ma anche un ruolo da ‘capitano giocatore’ in una squadra a più voci.

Assodato questo quindi si fanno i primi nomi di una conduzione multipla sul palco dell’Ariston, a cominciare da Beppe Fiorello.

“Il volto di tante fiction targate Rai è già stato sul palco dell’Ariston come ospite nel 2016 e, in qualche occasione, aveva dichiarato che l’idea di condurre il Festival, magari accanto al fratello Rosario, lo stuzzicava. E ora, dopo la decisione di chiudere Edicola Fiore, non è detto che anche Rosario cambi idea e accetti di fare almeno una comparsata in Riviera”, hanno rilanciato le principali testate giornalistiche.

Tra i nomi quotati per sostituire Carlo Conti continuano però ad esserci anche Milly Carlucci, Lodovica Comello, Fabrizio Frizzi, Amadeus, Antonella Clerici e Massimo Ranieri, nonché la coppia Paola Cortellesi e Laura Pausini.

Di certo dopo le edizioni del Festival di Sanremo firmate da Carlo Conti che hanno avuto ottimi risultati di ascolti sarà fondamentale scegliere una squadra davvero brillante per poter bissare i numeri dell’edizione 2016 e 2015.

Next Post

Morgan in politica: scende in campo con Vittorio Sgarbi

È indubbio che la politica ha bisogno di una forte scossa, soprattutto in terre come la Sicilia dove il malaffare, purtroppo, regna ancora sovrano, e se questa scossa venisse nientemeno che dal mondo dell’arte? Non è certo la prima volta che musicisti ed artisti in generale decidono di mettersi al […]