Biochip non invasivo per la lotta ai tumori

Nel futuro la lotta al tumore passerà attraverso un biochip

Una scoperta naturalmente che è solamente agli albori, e i test hanno ancora tutto da dimostrare, ma se un giorno si potrà dire addio alle biopsie, sarà un grandissimo passo nella storia della medicina moderna.

La scoperta viene dall’Australia e il nuovo trovato nella terapia contro il tumore è opera di Majid Warkiani, medico che ha guidato il team di ricercatori che è riuscito a fare questa importante scoperta.

Il biochip scoperto in Australia altro non è che un dispositivo in grado di fare una continua biopsia non invasiva nel corpo del paziente andando ad individuare quelle che sono le concentrazioni di cellule malate e differenziandole da quelle sane. Questo meccanismo permette di distruggere le cellule infettate dal tumore salvaguardando tutte le altre.

La ricerca medica è impegnata da tempo nello sforzo di modificare l’approccio al tumore in modo tale da superare l’utilizzo di radioterapia e chemioterapia, utili ma non libere da gravi effetti collaterali.

“E’ come una biopsia liquida non invasiva – ha spiegato da Majid Warkiani del Centre for Nanomedicine – che può segnalare la presenza di qualsiasi tipo di cancro solido, che sia ai polmoni, al seno o all’intestino, senza dover ricorrere alla chirurgia. Il biochip potrà essere usato sia per una diagnosi tempestiva, sia per monitorare la risposta del paziente ai trattamenti.”

Next Post

Il labirinto del silenzio, candidato all’Oscar per la Germania

Nonostante l’Italia non concorrerà per gli Oscar, potrà almeno tifare per Il labirinto del silenzio e il suo regista metà italiano Certo è una magra consolazione dopo l’esclusione di “Non essere cattivo”, ma almeno Giulio Ricciarelli, papà italiano e mamma tedesca, con il suo primo lungometraggio “Il labirinto del silenzio”, che […]