Calendario gregoriano, ecco la sua storia lunga oltre quattro secoli

Oggi sappiamo che, convenzionalmente, un anno è formato da 365 giorni suddivisi in 12 mesi. Sappiamo però anche che il moto di rivoluzione della Terra intorno al Sole non dura esattamente 365 giorni, ed è per questo che ogni 4 anno febbraio ha un giorno in più.

Ma quando e come esattamente abbiamo cominciato ad utilizzare il calendario che oggi viene usato in quasi tutti gli stati del mondo?

Cominciamo subito col dire che il nostro calendario è definito “gregoriano” e prende il nome da Papa Gregorio XIII, che lo introdusse il 4 ottobre 1582 con la bolla papale “Inter gravissimas” promulgata a Villa Mondragone, a Roma.

Quell’anno successe una cosa eccezionale: la sera prima del 4 ottobre la gente andò a letto consapevole di vivere quel determinato giorno dell’anno, e quando si risvegliò, con l’entrata in vigore della bolla papale, ci si ritrovò catapultato al 15 ottobre: in pratica, con l’introduzione del calendario gregoriano, quell’anno durò una decina di giorni in meno.

Non un capriccio del Papà però: quella decisione fu presa per eliminare lo sfasamento tra il calendario giuliano, introdotto da Giulio Cesare nel 46 a.C. e utilizzato fino ad allora, e l’andamento dell’anno solare.

Come abbiamo detto all’inizio, quasi tutti gli stati del mondo lo utilizzano, ad eccezione di pochi stati, per motivi principalmente religiosi: Iran, Afghanistan, Etiopia e Nepal.
Altri Paesi, invece, come India, Bangladesh, Israele, Pakistan e Myanmar oltre al calendario gregoriano usano anche un calendario locale.

Potrebbero interessarti

Vende un paio di scarpe su eBay ma dimentica qualcosa dentro

Resta mortificata dopo aver lasciato accidentalmente un regalo alquanto particolare all’interno di…

Georgia, giustiziata nonostante il Papa

In Georgia giustiziata un’americana nonostante l’appello del Papa, che chiedeva l’abolizione della…