Call Center, le rivelazioni degli operatori che si divertono

L’orribile verità sui call center che ti mettono in attesa, può mandare le persone nel panico.

Questa sgradevole rivelazione, ma è anche una verità universale che a nessuno piace essere messo in attesa.

Innanzitutto, il motivo per cui sei in attesa è perché hai contattato un call center per qualche problema.

Poi c’è la musica terribile, l’incertezza di quanto tempo ci vorrà finché non parlerai di nuovo ad una voce “umana”, infine c’è il problema per il quale hai chiamato, che può essere stressante come quello ad esempio di una bolletta non pagata o troppo alta.

Se si fa un mix di tutto è facile soccombere alla frustrazione e per qualcuno cadere nel panico più totale.

Poi c’è qualcuno che si chiede: durante il tempo di attesa, è possibile chiacchierare con qualcun altro o fare altro, tanto nessuno ci sta ascoltando? Purtroppo no, è successo a tanti utenti che hanno voluto condividere la loro esperienza.

A quanto pare, mentre ascoltavo una versione ininterrotta di Greensleeves e imprecavo copiosamente, gli operatori hanno ascoltato ogni mia parola e ogni mio respiro“.

Rivela su Twitter Kylie Janam, che ha recentemente fatto la scoperta e ha poi aggiunto di provare però anche un pizzico di vergogna: “Conoscono le cose che ho detto mentre ero in attesa? Sanno le maledizioni che ho su tutti quelli che vengono prima di me? Mi dispiace così tanto.

Non sono solo le parolacce e le imprecazioni ad essere preoccupanti, anzi c’è da dire che in alcuni casi, come rivelato su Twitter, i lavoratori dei call center provano anche a divertirsi:

Ascoltare le persone che si lamentano è la mia parte preferita“, ha detto una signora e poi la rivelazione: “Avevamo usato quelli più divertenti per mandarli in onda in ufficio riproducendo le registrazioni“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Mai schiacciare le lattine prima di gettarle, ecco perchè

Perché non dovresti mai schiacciare le lattine prima di buttarle per essere…

Lettori di impronte, smartphone Android più vulnerabili

Se una volta la “sicurezza” di avere il proprio smartphone bloccato e…