Cancro, con le cure alternative la mortalità raddoppia

Eleonora Gitto

Cancro, con le cure alternative la mortalità raddoppia, e oltre.

La questione è ormai dibattuta da gran tempo, ma finora di studi statistici accurati e approfonditi sulla validità delle cure alternative per i tumori, non ce n’erano tanti.

Esistono ovviamente le cure tradizionali, quelle della medicina ufficiale, ed esistono quelle alternative, non ufficiali, consigliate dalla medicina o dalle medicine alternative.

Certo, la questione è estremamente delicata. Se da una parte non c’è dubbio che la maggioranza delle cure ufficiali per i tumori, chemioterapia e radioterapia in testa, hanno degli effetti collaterali sovente di notevole portata, dall’altra certi protocolli di cura, ormai sperimentati e accertati nella loro efficacia, portano a risultati buoni, a volte ottimali.

Ma qual è il rapporto di guarigione facendo un confronto fra la medicina tradizionale e quella non tradizionale? Ad affrontare la questione è stata una ricerca da poco condotta dalla prestigiosa Università di Yale, nel Connecticut.

Lo studio è stato pubblicato sull’accreditata rivista scientifica Journal of the National Cancer Institute.

Lo studio ha preso in esame 840 pazienti malati di cancro, in un periodo compreso fra il 2004 e il 2013. Circa duecento persone, di queste 840, ha deciso di affidarsi per le cure alla medicina alternativa.

In base alle risultanze della ricerca, si è appurato che la mortalità fra coloro che si sono dedicati alle cure alternative, è stata 2,5 volte superiore a quella di coloro che hanno utilizzato la medicina tradizionale.

Tuttavia, a seconda dei casi, la percentuale sale fino a raggiungere un rapporto addirittura di uno a sei. Il caso del tumore al seno, è sintomatico: la percentuale di decessi fra i pazienti curati con la medicina alternativa è sei volte superiore.

Nello studio è stato evidenziato altresì il fatto che, pur essendo il tumore guaribile, la gente decide spontaneamente di stare alla larga dagli ospedali, e quindi dalle cure classiche.

Ma l’errore in molti casi può rivelarsi fatale. Quindi, l’omeopatia, le diete particolari, la cristallo-terapia e quant’altro, non trovano posto alcuno nel quadro di una corretta valutazione scientifica sia della diagnosi che della terapia da applicare.

Ragion per cui, la cosa migliore da farsi è operare preventivamente: la prevenzione del cancro, fatta di sana alimentazione e di attività fisica costante, compatibilmente con le nostre possibilità, è la risposta giusta.

Se poi abbiamo la sfortuna di contrarre questa malattia, affidarsi alla scienza ufficiale è senza dubbio la scelta più ragionevole.

Next Post

Laura Freddi, a 45 anni sarà finalmente mamma

Non si può certo dire che non ce l’abbia messa tutta per provare la gioia della maternità, ma ogni tentativo sembrava purtroppo finire male, tanto che la showgirl probabilmente aveva accantonato la speranza. Ed invece, come il più bello dei miracoli, Laura Freddi, a 45 anni, diventerà finalmente mamma: la […]