C’è un segnale nello spazio che sembra un battito cardiaco

Redazione

Nello spazio è stata rilevata una misteriosa esplosione che sembra assomigliare ad un battito cardiaco.

un segnale nello spazio che sembra un battito cardiaco
foto@depositphotos.com

Gli astronomi stimano che il segnale dovrebbe provenire da una galassia distante circa un miliardo di anni luce, ma la posizione esatta e la causa del segnale sono sconosciute. Uno studio che ha mostrato i risultati è stato pubblicato mercoledì sulla rivista Nature.

Gli astronomi hanno rilevato un segnale radio costante da una galassia lontana che lampeggia con sorprendente regolarità. Denominato FRB 20191221A, questo burst radio veloce è attualmente il burst più lungo conosciuto fino ad oggi.

Le esplosioni radio veloci, o FRB, sono esplosioni intense di un millisecondo di onde radio di origine sconosciuta.

La prima esplosione radio di questo tipo è stata rilevata nel 2007 e da allora sono state rilevate centinaia di bagliori cosmici così veloci, provenienti da vari punti distanti dell’universo.

Molti burst emettono onde radio che durano non più di pochi millisecondi. È noto che circa il 10 percento di essi si ripetono e hanno determinati schemi.

Le esplosioni radio veloci sono così veloci e inaspettate da essere difficili da osservare.

Una delle risorse utilizzate per rilevarli è un radiotelescopio chiamato Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment (CHIME) presso il Dominion Radio Radio Astrophysical Observatory nella British Columbia, Canada.

Questo telescopio, in funzione dal 2018, monitora costantemente il cielo e, oltre ai lampi radio veloci, è sensibile alle onde radio emesse dall’idrogeno distante nell’universo.

Gli astronomi che utilizzano CHIME hanno notato qualcosa il 21 dicembre 2019 che ha immediatamente attirato la loro attenzione: un’esplosione radio veloce che era “particolare per molti aspetti”, secondo Daniele Michilli, astronomo dell’Istituto di astrofisica e ricerca spaziale.

Il segnale, denominato FRB 20191221A, è durato fino a tre secondi, circa 1.000 volte di più rispetto alle tradizionali raffiche radio veloci.

Michilli stava monitorando i dati provenienti da CHIME quando si è verificato il picco. Questo segnale è il burst radio veloce più duraturo fino ad oggi.

Era insolito“, ha detto Michilli. “Non solo era molto lungo, della durata di circa tre secondi, ma aveva anche picchi intermittenti incredibilmente precisi, che emettevano ogni frazione di secondo – boom, boom, boom – come un battito cardiaco“.

Next Post

Vabbing, l'assurda tendenza TikTok che sta girando negli Stati Uniti

La parola Vabbing è una incredibile tendenza che ha preso piede sui social in particolare su TikTok. Il vabbing è l’uso dei fluidi vaginali come profumo, in pratica si utilizzano i propri fluidi mettendone un po’ dietro le orecchie e sui polsi e sembra che sia da aiuto per riuscire […]
Vabbing assurda tendenza TikTok che sta girando negli Stati Uniti