Charlie Gard, esami negativi: le responsabilità di una farsa disumana

Eleonora Gitto

Come si prevedeva, esami negativi per Charlie Gard: le responsabilità di una farsa disumana.

Siamo giunti al redde rationem, a quello che, purtroppo, già si sapeva. Per Charlie Gard probabilmente non c’è più nulla da fare, ma gli strascichi e le polemiche non cesseranno per chissà quanto tempo.

L’aver cercato di prolungare la vita-non vita del piccolo per motivi di pietà, cercando una speranza che, lo si sapeva, non c’era, è stato un atto inconsulto e inumano, dettato dalla determinazione di voler mantenere in vita-non vita, questo piccolo che stava e sta tutt’ora soffrendo.

E’ scesa in campo l’opinione pubblica, è scesa in campo la Chiesa; i media mondiali hanno amplificato a dismisura il caso, e alla fine i giudici hanno dovuto ritrattare, sebbene il giudizio i medici l’avessero già dato e sebbene vi fossero state ben tre pronunce dei tribunali inglesi e una della stessa Corte di Giustizia Europea. Ancora un rinvio, ancora l’attesa.

L’aberrazione, la disumanità totale è stata nel cercare di ribaltare una decisione che era stata presa sia col metro della ragione sia col metro dell’umanità, per evitare che il piccolo avesse a soffrire ulteriormente.

Ma no, non sia mai. Si deve rasentare l’impossibile, anche se l’impossibile è per l’appunto irraggiungibile, ben oltre le orbite dei pianeti conosciuti.

Perché la prima cosa da fare è essere a posto con la coscienza, la propria coscienza, soprattutto quella dei genitori, i quali incoscientemente hanno compiuto l’atto più inconsulto che si poteva fare: anteporre l’amore per loro stessi all’amore per il bambino.

Consentire al piccolo di andare avanti è stata un’azione che permette loro di soffrire di meno, ma fa soffrire di più il piccolo Charlie. Non consentirlo, avrebbe fatto soffrire di più loro, e non avrebbe fatto soffrire più Charlie.

E la vicenda sta terminando nel modo peggiore: già circola la voce, avallata dagli organi di stampa cattolici, che non sia più possibile intervenire con chissà quali terapie miracolose “a causa dell’indebolimento della massa muscolare, che ha messo a repentaglio la possibilità di praticare la terapia sperimentale”.

Traduzione dell’enunciato volutamente sibillino: se adesso Charlie muore, attenzione perché voi che non lo avete curato per qualche giorno a dovere, potreste avere le vostre responsabilità e io ora non ci posso far più niente, dal momento che la cura potrebbe non avere effetto.

A tanta diabolica pretestuosità non si può che rendere omaggio: è quella stessa sopraffina, mefistofelica, ineffabile pretestuosità che ha contraddistinto per secoli i Tribunali del Sant’Uffizio.

Molto più semplicemente. Quando Charlie morirà, purtroppo, sarà perché non c’erano e non ci sono cure; e se ha sofferto così a lungo e così tanto, è perché qualcuno ancora non ha capito che amare una persona, in questi casi un figlio, deve avere sempre la prevalenza sull’amore verso se stessi. Il resto rischia di chiamarsi egoismo.

Next Post

Nino Frassica, leggero malore ma si riprende subito

Un leggero malore lo ha colpito, pare bevendo una bevanda ghiacciata, ma poche ore dopo Nino Frassica ha immediatamente rassicurato tutti i suoi fan con la tipica simpatia e il suo tipico humor, purtroppo però l’attore non si è potuto esibire sabato sera a Monteiasi in provincia di Taranto nell’ambito […]
Nino Frassica, malore per l’attore per colpa di una bibita ghiacciata