Chef russi si spogliano per protesta contro il lockdown
Chef russi si spogliano per protesta contro il lockdown

Gli chef russi si spogliano per protesta dopo che il coronavirus li ha spogliati totalmente delle loro entrate.

A Mosca, i proprietari di ristoranti russi privati ​​delle loro entrate a causa del blocco del coronavirus, stanno facendo una campagna per riaprire le loro attività pubblicando foto di se stessi nudi sui social media.

Centinaia di baristi, chef di ristoranti hanno pubblicato le loro foto nude con piatti, tazze, pentole, bottiglie, sgabelli da bar e porta tovaglioli posizionati con cura.

La loro richiesta è che le autorità consentano loro di iniziare a servire i clienti mentre il paese allenta gradualmente le misure per fermare la diffusione del coronavirus.

Siamo nudi perché non ci resta nulla“, ha dichiarato Arthur Galaychyuk, proprietario della catena di bar della famiglia Relab nella città di Kazan, i cui 20 dipendenti hanno preso parte alla campagna.

I ristoranti di Kazan potranno aprire le loro terrazze estive l’11 giugno dopo oltre due mesi di blocco.

Non vogliamo mettere in scena uno strip show o scherzare, vogliamo solo una cosa: lavorare!” ha detto Pavel, uno chef della città siberiana di Novosibirsk, in un post con una foto di gruppo dei suoi colleghi che indossano solo maschere e tengono in mano stoviglie.

Non non mettiamo la gente a rischio più di supermercati, centri commerciali, parrucchieri o trasporti pubblici“, ha detto in un suo intervento.

Le autorità di Novosibirsk non hanno annunciato l’apertura di ristoranti locali.

Il presidente Vladimir Putin ha ordinato rigide misure di blocco alla fine di marzo chiudendo tutte le attività tranne i negozi di alimentari e le farmacie. Le regioni del paese sono state autorizzate ad adeguare le misure a seconda della situazione sul campo.

Mosca è in procinto di revocare il blocco e molte aziende, tra cui centri commerciali, librerie e saloni di bellezza, hanno riaperto.

La capitale russa prevede di consentire a caffè e ristoranti di aprire le loro terrazze esterne più tardi a giugno prima di riaprire completamente dal 23 giugno. Ristoranti e bar al coperto rimangono chiusi in altre parti della Russia.

Loading...
Potrebbero interessarti

Ufficiale di polizia regala la sua colazione al mendicante

La foto dell’ufficiale di polizia di Saint John che regala la sua…

UFO, a Hessdalen fotografato un oggetto strano: che cosa sarà?

A Hessdalen è stato fotografato un Ufo un po’ strano: cosa sarà?…