Chi era il ragazzo che ha ispirato la storia di Nightmare

Redazione

Nightmare è un classico del cinema horror visto da milioni di persone in tutto il mondo, ma non tutti conoscono la vera storia che ha ispirato il personaggio di Freddy Krueger.

Il ragazzo che ha ispirato la storia di Nightmare
Rappresentazione di Freddy Krueger (foto@Pat Loika, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons)

A Nightmare on Elm Street (titolo originale), ha sconvolto milioni di persone in tutto il mondo, dando vita ad una serie ininterrotta di pellicole dedicate all’orco Freddy Krueger, ma la storia che ha ispirato il regista è altrettanto da brividi.

Quando Wes Craven scrisse lo slasher nei primi anni ’80, trasse ispirazione da eventi della vita reale, dai bulli e dagli articoli di giornale della sua infanzia e ad un uomo che aveva visto per strada quando era più giovane.

Il film vede Krueger, lo spirito di una persona morta in un incendio, che ossessiona i sogni degli adolescenti.

Il personaggio dell’antagonista prende il nome dal bullo d’infanzia di Craven, Fred Kruger, come ricorda il Daily Star.

Il regista ha anche aggiunto che da bambino ha visto un uomo inquietante che camminava fuori casa sul marciapiede fuori dalla sua finestra. L’uomo anziano guardò Craven, spaventandolo, prima di allontanarsi.

Tuttavia, una delle più grandi ispirazioni per la premessa centrale del film è venuta da un articolo che Craven ha letto sul LA Times su una famiglia che è fuggita dalla Cambogia ed era riuscita ad andare in America.

La famiglia era tra i rifugiati Hmong fuggiti in America negli anni ’70 a causa della guerra e del genocidio in Laos, Cambogia e Vietnam.

Molti rifugiati hanno sofferto di incubi che li hanno portati a rifiutarsi di dormire e si dice che alcuni uomini, di età compresa tra i 19 ei 57 anni, siano morti nel sonno poco dopo. I medici hanno continuato a chiamare i fenomeni di morte improvvisa inspiegabile Sindrome della morte asiatica.

Successivamente soprannominata Sindrome della morte notturna inspiegabile improvvisa (SUNDS), più di 100 persone erano morte quando Nightmare è uscito nei cinema.

Tra le vittime c’era un ragazzino che aveva “incubi inquietanti” che lo rendevano riluttante a dormire per giorni interi.

Secondo Craven, quando finalmente dormiva, i suoi genitori pensavano che la crisi fosse finita. Tuttavia, lo hanno sentito urlare nel cuore della notte e prima che potessero raggiungerlo, era morto.

Craven ha detto a Vulture Magazine: “Avevo letto un articolo sul LA Times su una famiglia che era scappata dai campi di sterminio in Cambogia ed era riuscita ad arrivare negli Stati Uniti. Le cose andavano bene, e poi all’improvviso il giovane figlio stava avendo incubi molto inquietanti“.

Diceva ai suoi genitori che aveva paura di addormentarsi, la cosa che lo inseguiva lo avrebbe preso, quindi ha cercato di rimanere sveglio per giorni interi. Quando finalmente si addormentò, i suoi genitori pensarono che quella crisi fosse finita“.

Poi hanno sentito delle urla nel cuore della notte. Quando arrivarono in camera sua, era morto. È morto nel mezzo di un incubo. Ecco un giovane che aveva una visione di un orrore che tutti gli anziani negavano. Quella è diventata la linea centrale di Nightmare on Elm Street” ha spiegato il regista.

Next Post

Cambiamenti climatici, ecco quali sono le vere ragioni

I cambiamenti climatici sono sotto gli occhi di tutti da decenni ormai, negli ultimi anni poi, sono avvertiti in modo molto più evidente. Le temperature spesso in alcune giornate invernali cambiano radicalmente sembrando addirittura primaverili, il freddo arriva in modo improvviso e spesso con temperature da record. Ebbene questo improvviso […]
Cambiamenti climatici ecco quali sono le vere ragioni