Chikungunya, salgono a 47 i casi nel Lazio: scatta l’emergenza sangue

Eleonora Gitto

Le vittime della Chikungunya nel Lazio aumentano: salgono a 47 i casi accertati. Intanto, visto il blocco delle donazioni, scatta l’emergenza sangue.

Il Servizio Regionale di Sorveglianza Malattie Infettive, SARESMI, ha diramato un comunicato in cui informa che nel Lazio i casi di Chikungunya sono arrivati a 47, 20 in più rispetto al bollettino pubblicato il 14, ossia solo un giorno fa.

Le vittime hanno soggiornato tutte ad Anzio, tranne uno che proviene da Latina. I Comuni sono stati allertati e stanno provvedendo alla disinfestazione delle aree interessate.

L’epidemia di Chikungunya ha portato al blocco delle donazioni di sangue ed emocomponenti così il Centro Nazionale Sangue-Istituto Superiore di Sanità, ha dovuto attivare tutte le procedure per sopperire alle eventuali mancanze.

La sospensione totale delle donazioni fino a ora ha riguardato solo l’ASL 2 del Comune di Roma e il Comune di Anzio. Nel resto del Comune di Roma la donazione è stata consentita con una quarantena di 5 giorni.

In tutte le altre aree della Regione, in base all’assunzione di un minor livello di rischio di infezione, al sangue raccolto è stata applicata una ‘quarantena’ di 5 giorni se il donatore ha soggiornato nelle aree interessate (ASL Roma 2 o Anzio).

A livello nazionale i donatori che hanno soggiornato nei comuni interessati non potranno dare sangue per 28 giorni.

Il Direttore del Centro Nazionale Sangue-Istituto Superiore di Sanità, Giancarlo Maria Liumbruno, ha spiegato: “Sono state attivate tutte le misure possibili per evitare eventuali carenze a partire dalla mobilitazione delle scorte accantonate per le maxi-emergenze. Sia nel Lazio sia nelle altre Regioni è già partita una gara di solidarietà che coinvolge sia le istituzioni sia le associazioni dei donatori, che saranno coinvolti in una serie di raccolte straordinarie per aiutare il Lazio”.

Così è partita una raccolta straordinaria di sangue, programmata e coordinata con le Regioni e scaglionata nel tempo, per far fronte al protrarsi delle carenze dovute ai focolai di Chikungunya nel Lazio.

Tutte le Regioni, anche quelle a loro volta in difficoltà, hanno dato la loro disponibilità a contribuire alla raccolta. Per il coordinamento degli enti impegnati nella raccolta sangue: “L’impatto di queste misure è molto pesante, basti pensare che l’ASL Roma 2 ha una popolazione pari a una regione come il Friuli Venezia Giulia e le associazioni sono pronte a coordinarsi tra loro e a modulare gli sforzi per far fronte agli sviluppi e al protrarsi della situazione”.

“È importante – sottolinea il Direttore Liumbruno – che le raccolte straordinarie siano programmate, perché l’emergenza per il Lazio potrebbe durare diversi giorni, secondo l’andamento dei focolai. Al momento il fabbisogno aggiuntivo stimato è di 200-250 sacche al giorno. Già ieri diverse Regioni si sono mobilitate, mettendo a disposizione, grazie anche al contributo fondamentale delle Associazioni, oltre 800 unità, una risposta eccezionale che testimonia che è subito scattata una vera gara di solidarietà”.

Next Post

Gigi D’Alessio, con Anna non è tutto perduto

Con uno sterile comunicato Ansa avevano deciso di annunciare al mondo la decisione di prendersi del tempo da soli, di separare le proprie strade dopo oltre un decennio insieme, ma un grande amore non può finire da un giorno all’altro. E a pensarla così è anche lo stesso diretto interessato: […]