Christopher Nolan, inizia il conto alla rovescia per l’arrivo di Dunkirk

Anche se nel nostro paese se ne è parlato pochissimo, sta attirando molta attenzione  a livello internazionale Dunkirk, il nuovo film di Christopher Nolan.

Patria del cinema d’autore, non è che l’Italia abbia perso interesse per il buon cinema, ma sembra che ai giornalisti sia stato imposto un “embargo”: a volte ai giornalisti viene fatto firmare un non disclosure agreement, un contratto che li impegna al pagamento di una penale qualora violino i termini dell’accordo, altre volte l’accordo si basa soltanto sulla parola e la fiducia reciproca, e quindi prima del prossimo 21 agosto molto probabilmente le grandi testate non parleranno di questa pellicola.

Ma già ora, Dunkirk, decimo film di Christopher Nolan, uscito praticamente ovunque, tranne che in Grecia, Cina, Giappone e Italia, è considerato da chi lo ha visto un capolavoro,  film dell’anno e persino uno dei possibili film del decennio.

In vista dell’uscita di Dunkirk in Italia il 31 agosto, IMAX ha però rilasciato un filmato speciale del dietro le quinte del film, con riprese e commenti mai visti prima del regista Christopher Nolan, del direttore della fotografia di Hoyte Van Hoytema, della produttrice Emma Thomas e del montatore Lee Smith.

I contenuti speciali mostrano come la troupe abbia spinto la produzione al limite del possibile, utilizzando telecamere IMAX a terra, in aria e in mare per offrire al pubblico un’esperienza cinematografica indimenticabile.

Le telecamere hanno così trascorso giorni intensi sia a terra, che in aria che in mare per permettere di offrire agli spettatori quella che dovrebbe essere un’esperienza di immedesimazione cinematografica che troverà difficilmente paragoni.

Lo stesso regista Christopher Nolan ha dichiarato “la qualità immersiva dell’immagine è impareggiabile. Cerchiamo davvero di ricreare una sensazione che descriverei come realtà virtuale senza la necessità di dover usare il supporto di un visore”.

Il regista aveva pensato inizialmente di realizzare Dunkirk senza una sceneggiatura. L’indiscrezione è contenuta in un libro, attualmente in vendita, che contiene lo script e un’intervista tra il filmmaker e suo fratello Jonathan.

Tra le pagine si scopre quindi che durante le fasi di preparazione del progetto aveva considerato l’ipotesi di arrivare sul set senza un copione: “Ero arrivato a un punto in cui avevo capito la portata e la direzione della storia di ciò che volevo affrontasse il lungometraggio, perché si tratta di semplice geografia”.

La stesura della sceneggiatura alla fine è stata comunque piuttosto rapida, considerando inoltre che è una delle più brevi con sole 76 pagine.

Dunkirk è il primo film di Nolan tratto da una storia vera: quella di un’immensa operazione militare per l’evacuazione di circa 400mila soldati Alleati che nel 1940, durante la Seconda guerra mondiale, si trovarono bloccati a Dunkerque – nel nord della Francia, vicino al confine col Belgio (Dunkirk è il nome inglese) – e praticamente assediati dai nazisti.

Nei suoi primi giorni nei cinema mondiali è stato il film più visto in molti paesi e ha già incassato più di 260 milioni di dollari.

Next Post

Despacito è il video più visto di sempre su YouTube

“Despacito” , fin dai primi giorni del suo lancio, ha raggiunto la prima posizione della classifica nei principali mercati del mondo: Italia, Irlanda, Spagna, Portogallo, Francia, Belgio, Svizzera, Svezia, Austria, Danimarca, Finlandia, Germania, Norvegia, Olanda, Canada, Australia, UK e USA. Finora non era mai capitato che una canzone spagnola raggiungesse la […]