Codacons sotto accusa dal Ministero: procurato allarme sui vaccini

La questione è di quelle spinose: fino a dove è lecito spingersi per discutere e far conoscere a tutti una problematica che comunque riguarda una tematica delicatissima?

Come è accaduto spesso negli ultimi mesi, torniamo a parlare di vaccini, e della polemica senza fine che vi è stata costruita intorno, sia da parte dei genitori che si sono rifiutati di vaccinare i propri figli, anche a costo di non farli ammettere a scuola, sia di quelli che hanno fatto credere che saremmo andati incontro ad una catastrofe certa se tutti i bambini non avessero ricevuto la necessaria immunizzazione.

Gli eccessi sono sempre deleteri, ma non bisogna comunque mai sottovalutare il peso delle proprie parole e dei messaggi che si lancia, soprattutto quando si è un’associazione molto conosciuta: è questo il messaggio che il ministero della Salute vuole lanciare a tutti i cittadini con la sua ultima “mossa”, che ha colto tutti alla sprovvista dato che è veramente molto raro che il ministero della Salute proceda per vie legali.

Il ministero della Salute ha infatti denunciato – tramite il Comando generale dei Carabinieri del Nas – il Codacons per procurato allarme presso la Procura di Roma, dopo che l’associazione per i consumatori aveva presentato un esposto che citava uno studio sulla presunta pericolosità dei vaccini.

Codacons sotto accusa dal Ministero: procurato allarme sui vaccini

Codacons sotto accusa dal Ministero procurato allarme sui vaccini

Nello specifico, il Codacons aveva depositato presso la Procura della Repubblica di Catania un esposto-denuncia per «omicidio colposo, commercio e somministrazione di medicinali guasti» » riferendosi ad alcuni studi che evidenzierebbero una contaminazione dei vaccini e che avrebbe portato alla morte di 13 bambini.

L’associazione dei consumatori fa riferimento a uno studio condotto dalla ricercatrice (a loro dire del Cnr) Antonietta M. Gatti e dal farmacologo Stefano Montanari. Secondo il Codacons il loro studio «evidenzia una contaminazione da micro e nanoparticelle di acciaio inossidabile, acciaio inox ma anche di tungsteno e cloruro di calcio. Tali particelle non sono né biocompatibili né biodegradabili, pertanto, capaci di creare reazioni avverse, anche gravi dei vaccini distribuiti dal nostro Servizio sanitario nazionale e il numero rilevante di morti, nonché di reazioni avverse gravi che stanno colpendo i bambini in questi mesi».

Per di più, il Codacons non è nuovo a “trovate” del genere e cita spesso ricerche e studi – talvolta eseguiti senza i criteri classici della ricerca scientifica come la revisione paritaria (peer review) – che sostengono di avere identificato potenziali rischi nei vaccini come quello trivalente (MPR) contro morbillo, rosolia e parotite (gli “orecchioni”).

Il ministero della Salute ha quindi presentato la denuncia, confermando le politiche della ministra Lorenzin per evitare che si diffondano notizie incontrollate e scientificamente inattendibili sui vaccini.

L’esito appare alquanto scontato, dato che la tesi supportata dal Codacons è contestata anche dall’Agenzia italiana del farmaco (Aifa): “Non c’è nessuna relazione accertata fra i casi segnalati dal Codacons e le vaccinazioni”, si apprende dall’Agenzia, che ha verificato i casi citati dall’associazione di 13 bambini morti.

Il Codacons da parte sua fin da subito ha provato ad abbassare i toni: «non abbiamo mai affermato che tali morti siano sicuramente da attribuire alle vaccinazioni. In assenza di prove certe, mai ci sogneremmo di fare simili dichiarazioni. Ci siamo limitati a segnalare alla magistratura i casi di morti sospette degli ultimi mesi».

RETTIFICA E AGGIORNAMENTO:

Si precisa che la Dott.ssa Antonietta Gatti, nel periodo in cui
è stata associata ad ISTEC-CNR, si è occupata di un progetto europeo su nano-inquinanti nelle piante. 
In tale ambito, così come successivamente alla conclusione del progetto, la Dott.ssa Gatti non ha svolto
alcuna attività sui vaccini e le sue sperimentazioni condotte in tal senso nulla hanno a che vedere
con le attività di ricerca di ISTEC-CNR. L'associatura della dott.ssa Gatti si è anche formalmente 
conclusa a fine ottobre 2017 per decisione del Consiglio di Istituto, stante l'assenza di attività in 
collaborazione con ISTEC-CNR.
Next Post

Bollino Rosa, gli ospedali a misura di donna in Italia

Arriva il “Bollino Rosa”, ovvero quel riconoscimento che l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna, attribuisce agli ospedali italiani che sono più “vicini” alle esigenze delle donne, strutture che offrono servizi di prevenzione e diagnosi delle patologie femminili più diffuse, tutto quanto è riservato, in particolar modo, a quella che viene […]