Coronavirus: Potrebbe realmente essere un esperimento andato storto?
Coronavirus Potrebbe realmente essere un esperimento andato storto

Il Coronavirus ha ucciso oltre 1.100 persone in Cina, alimentando teorie cospirative riguardanti armi biologiche ed esperimenti di laboratorio andati male, ma cosa hanno da dire gli esperti su queste teorie?

La domanda è stata posta dal famoso portale Express.co.uk, l’epidemia di coronavirus, ora ufficialmente soprannominata Corona Virus Disease o Covid-19, ha infettato oltre 45.000 persone in tutto il mondo, la maggior parte delle quali si trova in Cina. 

Mentre gli sforzi aumentano per arrestare la diffusione delle infezioni, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha messo in guardia contro la diffusione di disinformazione e cospirazioni infondate.

Il direttore generale dell’OMS, il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha detto sabato ai giornalisti che “troll e teorie complottistiche” stanno minando lo sforzo di recupero.

Ha detto: “Le persone devono avere accesso a informazioni accurate per proteggere se stessi e gli altri“.

Da quando il coronavirus è emerso per la prima volta nella città cinese di Wuhan nel dicembre dello scorso anno, i teorici della cospirazione si sono riversati sui social media per diffondere false voci sull’epidemia.

Coronavirus: Tra realtà, teorie e insabbiamenti.

Molti ovviamente utilizzando i social hanno avanzato alcune ipotesi, che possiamo leggere in tanti commenti e c’è da dire che molti di essi sono condivisi dalla maggior parte dell’opinione pubblica, eccone alcuni: “Opinione controversa: la Cina sta coprendo il Coronavirus. È molto peggio di quanto credano i media. La Cina non è un paese del terzo mondo e ha sicuramente personale medico e medici ben istruiti. È un insabbiamento per un’arma biologica trapelata accidentalmente.

Un’altra persona commenta: “#coronavirus Se ci sono conoscenze sull’epidemia e le informazioni non sono condivise con il resto del mondo, alla fine verranno scoperte e quindi le uniche conclusioni saranno che si trattava di un’arma biologica usata contro di loro!

Farouk Ontario ha anche affermato su Twitter: “Il governo cinese stava sintetizzando il #coronavirus come un’arma biologica, ma qualcosa è andato storto, hanno cercato di contenerlo ma hanno fallito. Il mondo deve ora aiutare la Cina o moriremo presto!

Perfino i media russi hanno avallato alcune teorie sul coronavirus quando una rete televisiva nazionale, Channel One, ha suggerito che gli Stati Uniti hanno avuto un ruolo importante nell’epidemia virale.

Ma ci sono prove a sostegno delle stravaganti affermazioni del coronavirus? No, secondo gli esperti di salute.

Il dottor David Jacobs, co-fondatore della Coalition of Ontario Doctors in Canada, ha twittato: “Per favore, basta con teorie complottistiche. Il #coronavirus NON è stato realizzato in laboratorio. NON è un’arma biologica. I coronavirus sono comuni e rappresentano fino al 20% dei raffreddori ogni anno“.

Poi ha proseguito: “Quelli particolarmente cattivi come la SARS e la MERS provengono da pipistrelli e infettano in modo incrociato l’uomo“.

Il professor Richard Ebright, un esperto di biologia chimica alla Rutgers University, ha dichiarato: “In base al genoma e alle proprietà del virus non vi è alcuna indicazione che si trattasse di un virus progettato“.

Le teorie complottistiche sono state respinte anche dal dott. Andrzejem Horban, un esperto di malattie infettive dell’Ospedale infettivo provinciale di Varsavia, in Polonia.

L’esperto ha commentato: “Il virus non soddisfa i criteri di un’arma biologica. Un virus usato come arma biologica dovrebbe uccidere tra il 20 e il 30 percento di quelli infetti.

Il coronavirus ha un tasso di mortalità molto basso tra l’uno e il due percento.

La maggior parte dei pazienti con coronavirus deceduti era di mezza età o anziana e già soffriva di condizioni preesistenti.

I medici hanno anche avuto un discreto successo nella lotta contro la malattia, con oltre 4.000 persone guarite dall’infezione dal martedì mattina (11 febbraio).

Sabato, il Direttore Generale dell’OMS ha dichiarato: “All’OMS non stiamo solo combattendo il virus, stiamo anche combattendo i troll e le teorie della cospirazione che minano il nostro lavoro“.

Alcune grande testate internazionali hanno voluto combattere le teorie complottistiche con titoli ad effetto, così come ha fatto il famoso The Guardian che pochi giorni fa ha scritto: “La disinformazione sul coronavirus potrebbe essere la cosa più contagiosa al riguardo“.

La scorsa settimana, l’ambasciatore cinese negli Stati Uniti Cui Tiankai, allo stesso modo, ha avvertito di non diffondere disinformazione dopo che il senatore dell’Arkansas, Tom Cotton, aveva suggerito che il coronavirus poteva essere una minaccia di bioingegneria.

L’ambasciatore ha dichiarato: “È molto dannoso, è molto pericoloso suscitare sospetti, voci e diffonderle tra la gente“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Il latte materno verrà raccolto porta a porta a Milano

Se per fortuna esiste il latte artificiale, che sopperisce, o quantomeno aiuta…

Giornata mondiale contro la polmonite: sottovalutata

Ad oggi risulta essere indubbiamente troppo sottovalutata ma la polmonite è una…