Coronavirus: Quali test effettuare dopo il recupero

Redazione

Il pieno recupero da coronavirus non è semplicemente la fine della degenza dopo la malattia, ma ha bisogno di più esami e di continuare a prendere integratori alimentari e vitamine per sbarazzarsi degli effetti a lungo termine del virus. E’ necessario per i pazienti per continuare a monitorare la loro salute e gli esperti raccomandano di condurre test post-recupero per i pazienti per assicurarsi che il loro recupero sia completo, secondo un rapporto di The Times of India.

Il sistema immunitario combatte il virus, tuttavia è stato sempre osservato più volte che il Coronavirus può lasciare effetti collaterali di lunga durata molto tempo dopo che la carica virale è stata esaurita.

Coronavirus Quali test effettuare dopo il recupero

Gli esperti dicono anche che ci sono molti segni nel sangue e nel sistema immunitario che possono determinare la misura in cui il tuo corpo è colpito dal virus, ad esempio test e controlli possono essere cruciali se sei stato esposto a una grave infezione con più prove che indicano che il virus, può colpire organi vitali compresi i polmoni, in modo profondo, i controlli post-operatori possono rivelare la tua salute e il tuo benessere.

Il primo test è quello degli anticorpi: dopo aver combattuto un’infezione, il corpo produce anticorpi utili che prevengono infezioni future. Determinare il livello di anticorpi può non solo aiutarti a farti un’idea migliore dell’entità della tua protezione immunitaria, ma anche soprattutto se sei idoneo a donare plasma.

Di solito il corpo impiega circa una o due settimane per sviluppare gli anticorpi, quindi attendi fino a quando non ti riprendi dal virus. Se doni plasma, fai un test entro un mese dal recupero, che è anche il momento ideale per donare.

Test emocromo completo (CBC): i test CBC sono un test di base che misura diversi tipi di cellule del sangue (globuli rossi, globuli bianchi, piastrine e ti dà un’idea di quanto bene rispondi all’infezione del virus) Può anche indirizzarti, in qualche modo, a misure aggiuntive che potrebbero essere necessarie dopo il recupero.

Test del glucosio e del colesterolo: poiché il virus è incline a causare infiammazione e coagulazione, alcune persone hanno segnalato fluttuazioni nei loro parametri vitali, inclusi i livelli di zucchero nel sangue e la pressione sanguigna, questo è anche uno dei motivi per cui i pazienti Corona sono tenuti a monitorare il loro vitale elementi in ripresa.

Tuttavia, i test funzionali di routine dopo il recupero possono anche essere cruciali se si hanno condizioni preesistenti come il diabete di tipo 1 o di tipo 2 o il colesterolo o si è a rischio di complicazioni cardiache. Ad esempio, per molti pazienti che hanno avuto il coronavirus, può essere il glucosio nel sangue con livelli variabili più alti e più bassi del normale dopo il recupero, può essere necessario quindi il consiglio del medico.

Test di funzionalità neurologica: molti pazienti riferiscono sintomi neuropsichiatrici settimane e mesi dopo il recupero, il che può influire sulle prestazioni quotidiane. L’emergere di questi sintomi è fonte di preoccupazione, poiché più esperti medici hanno sottolineato l’importanza dei test di funzionalità cerebrale e nervosa dopo settimane di recupero.

Dovrebbero essere presi in considerazione anche i sintomi cronici del coronavirus, come annebbiamento del cervello, ansia, tremori, vertigini e affaticamento. Le donne di età superiore ai 40 anni corrono un rischio maggiore e potrebbero aver bisogno anche di un test prioritario.

Test della vitamina D: la vitamina D è un nutriente importante che supporta la funzione immunitaria. Gli studi hanno anche dimostrato che l’integrazione di vitamina D può essere cruciale durante il recupero e può aiutare ad accelerare il recupero, quindi un test di base come un test della vitamina D ti darà un giusto idea e aiuta a far fronte a qualsiasi carenza, se necessario.

fonte@akhbarona.com

Next Post

Modi per creare un home office meno caotico

La creazione del perfetto home office coinvolge una serie di elementi diversi, che vedremo in dettaglio nel seguente post del blog. Fondamentalmente, più si pensa al proprio home office, più è probabile che ce lo si figuri come un ambiente produttivo e di successo. Ecco alcuni passi per creare il […]
Modi per creare un home office meno caotico