Corpo Forestale, ecco l’identikit di chi maltratta gli animali

Eleonora Gitto

Il Corpo Forestale dello Stato traccia l’identikit di chi maltratta gli animali.

Nel 96% dei casi, quindi la quasi totalità, si tratta di maschi. I minorenni sono il 27%.

Si tratta di persone che sovente, oltre a uccidere o maltrattare gli animali, sono inclini ad altri comportamenti violenti, antisociali e criminali.

Lo studio è stato fatto congiuntamente dall’Associazione Link-Italia e dal Corpo Forestale dello Stato: la ricerca si chiama Zooantropologia della devianza. Certo che un nome più complicato non potevano trovarlo.

Il dato più eclatante emerso è appunto la correlazione fra la tendenza a compiere crimini e la tendenza a maltrattare animali.

Sono stati intervistati 537 detenuti, e fra essi è risultato che l’87% ha maltrattato oppure ucciso animali quando era minorenne.

Nel rapporto risulta inoltre che negli ambiti domestici dove avvengono i maltrattamenti, le donne nel 65% dei casi, evitano o rallentano l’allontanamento da casa per timore che il partner potrebbe far del male agli animali.

Dice Donato Monaco, studioso di questi casi: “Lo studio ci fornisce ulteriori elementi per proseguire il cammino intrapreso contro la violenza sugli animali e aiuta chi si occupa di contrastare altre tipologie di reato altrettanto significative e pericolose dal punto di vista sociale”.

Next Post

Paolo Brosio vede la Madonna e la posta su Facebook

Che sia un fervente cattolico è risaputo ma lui ci tiene costantemente a ricordarlo, come se la sua missione, oramai, dentro e fuori dalla televisione e dai media in generale, sia diffondere la fede come un novello profeta. Nelle scorse settimane ha subito un’operazione all’anca, riuscita con successo grazie alla bravura […]