Covid-19: Decessi e vaccini non hanno nessuna prova di collegamento

Redazione

Con l’inizio delle campagne di vaccinazione contro il Covid-19, in alcuni paesi sono stati segnalati casi di persone decedute dopo aver ricevuto un’iniezione poco prima.

La scorsa settimana, la Norvegia ha segnalato 23, poi 33, anziani a cui è stato iniettato il vaccino Pfizer / BioNTech, su circa 20.000 residenti in case di cura vaccinati in quel momento, sollevando preoccupazione. Tra questi, almeno 13 – il cui profilo è stato analizzato più da vicino – erano portatori non solo “molto anziani” ma anche “fragili” di “malattie gravi”, aveva specificato l’agenzia farmaceutica. Senza stabilire un nesso di causalità, l’agenzia ha ipotizzato che effetti collaterali del vaccino come febbre o nausea, non gravi per un paziente sano, avrebbero potuto “aver contribuito ad un esito fatale in alcuni pazienti fragili“.

Covid-19 Decessi e vaccini non hanno nessuna prova di collegamento

Al di fuori della Norvegia, queste dichiarazioni avevano suscitato scalpore e sono state talvolta utilizzate per alimentare un discorso anti-vaccino, al punto che le autorità norvegesi hanno poi dovuto insistere sulla mancanza di un legame stabilito. In Francia, il 22 gennaio, l’Agenzia dei farmaci (ANSM) ha segnalato 9 decessi di “anziani residenti in Ehpad (strutture ricettive per anziani non autosufficienti) o in residenze per anziani che presentavano tutti malattie croniche e trattamenti pesanti” su 800.000 persone vaccinate in totale. 

Ancora una volta, “alla luce delle attuali conoscenze sul vaccino Comirnaty (nome commerciale del vaccino di Pfizer / BioNtech, ndr) e delle informazioni fornite sui casi fino ad oggi, non c’è nulla per concludere che i decessi segnalati siano legati alla vaccinazione“, ha aggiunto l’ANSM. Altri esempi, 13 decessi di soggetti anziani sono stati segnalati in Svezia e 7 in Islanda, secondo le autorità sanitarie, ad oggi non è stato stabilito un nesso di causalità. Un altro esempio calzante: in Portogallo, i media portoghesi hanno menzionato il caso di un caregiver morto due giorni dopo essere stato vaccinato all’inizio di gennaio. Ma il Dipartimento di Giustizia ha detto che l’autopsia non aveva stabilito “alcun collegamento diretto con il vaccino Covid-19“.

Il 18 gennaio il ministero della Salute francese aveva accennato “ad oggi 71 segnalazioni di decessi” a livello europeo di persone vaccinate, senza ulteriori dettagli. – Nessun collegamento stabilito ma sorveglianza continua Per il momento, “al vaccino Comirnaty non è stata attribuita la morte di una persona anziana“, ha sintetizzato il 18 gennaio l’Agenzia europea per i medicinali, ricordando che “non appena un decesso o un evento grave si verifica, le autorità indagano per vedere se il vaccino potrebbe aver svolto un ruolo. I sistemi di farmacovigilanza nazionali ed europei, spesso rafforzati con Covid, vengono utilizzati per identificare gli eventi avversi che si verificano a un vaccinato, che devono essere segnalati dagli operatori sanitari e dai produttori. I pazienti possono anche fare un rapporto. In se stessi, questi rapporti non significano che esista una relazione di causa ed effetto: vengono analizzati in dettaglio dalle autorità sanitarie per determinare se esiste un legame e, in caso affermativo, quale. Un processo complesso. Per il momento, a causa del loro numero e del profilo delle persone, i decessi non sono considerati anormali alla luce delle statistiche sui decessi nella popolazione vaccinata“.

Aggiungendo alla complessità di un argomento delicato, tutti i paesi non comunicano allo stesso modo: alcuni, come la Francia o i paesi nordici in particolare, scelgono di segnalare il numero di decessi e potenziali effetti collaterali anche se non viene stabilito alcun collegamento. Altri si astengono dal fornire cifre.

In ogni caso, le autorità sanitarie europee ritengono che le morti non mettano in discussione la sicurezza del vaccino. Insistono sulla solidità dei loro sistemi di farmacovigilanza e sulla loro diligenza nell’indagare su qualsiasi decesso o reazione avversa grave o inaspettata. Promettono di comunicare chiaramente in caso di segnale preoccupante. La Norvegia non ha cambiato la sua campagna di vaccinazione anche se ha rinnovato la sua raccomandazione per una valutazione medica prima della somministrazione del vaccino a una persona molto fragile o alla fine della vita, come avviene in molti paesi. Almeno 60 milioni di dosi sono state somministrate in almeno 64 paesi o territori, secondo un conteggio AFP da fonti ufficiali il 23 gennaio alle 11:00 GMT.  

fonte@clicanoo.re

Next Post

Covid-19: C'è una mortalità diversa secondo le razze

La Queen Mary University of London e il Barts Health NHS Trust hanno condotto uno studio e hanno scoperto che i pazienti con coronavirus di diversi gruppi etnici differiscono nel decorso della malattia. I risultati della ricerca sono pubblicati sul portale BMJ Open. Sono stati analizzati i dati di 1.737 pazienti di età superiore ai […]
Covid-19 mortalita diversa secondo le razze