Curiosity festeggia dieci anni sul pianeta Marte

Redazione

Il rover Curiosity ha completato il ciclo di un decennio su Marte.

Curiosity festeggia dieci anni sul pianeta Marte
foto@depositphotos.com

Il rover è arrivato su Marte il 5 agosto 2012, alla ricerca di prove che miliardi di anni fa Marte avesse le condizioni necessarie per sostenere la vita biologica.

Prima di poter toccare la superficie, il veicolo spaziale ha dovuto sopportare un infuocato rientro nell’atmosfera.

Da quando è arrivato su Marte, il rover ha percorso 29 chilometri e ha scalato quasi 2.050 piedi nel cratere Gale, dove è atterrato dieci anni fa.

Il rover ha analizzato 41 campioni di roccia e suolo, basandosi su una suite di strumenti scientifici per scoprire cosa rivelano sul fratello roccioso della Terra.

Il rover non solo ha studiato campioni di roccia, ma ha anche studiato e analizzato il cielo del Pianeta Rosso, catturando immagini di nuvole luminose e lune alla deriva di Marte. Il sensore di radiazione ha misurato la quantità di radiazione ad alta energia a cui sarebbero stati esposti gli aspiranti astronauti sulla superficie di Marte.

Curiosity ha determinato che l’acqua liquida, così come i mattoni chimici e i nutrienti necessari per sostenere la vita, sono presenti nel cratere Gale da almeno decine di milioni di anni“, spiegano gli scienziati.

Curiosity sta per esplorare la regione ricca di solfati di Ilya-Novo-Destino, scoperta per la prima volta quasi sette anni fa. Lo scopo del rover su Marte è studiare il canale Gediz-Vallis, che potrebbe essersi formato durante l’inondazione alla fine della storia del Monte Sharp, e le grandi crepe cementate che mostrano l’influenza delle acque sotterranee sulla montagna.

“Stiamo assistendo a prove di drammatici cambiamenti nell’antico clima marziano. Ora la domanda è se le condizioni abitabili che Curiosity ha trovato finora siano state preservate grazie a questi cambiamenti. Sono scomparse, per non tornare mai più, o sono andate e venute per milioni di anni?

Next Post

Dopo la morte restiamo coscienti per almeno 20 secondi

Negli ultimi decenni, gli scienziati hanno studiato le esperienze di pre-morte (NDE) nel tentativo di capire come il cervello affronta la morte e se esiste una vita dopo la morte. Alcune persone che hanno avuto una esperienza pre-morte hanno riferito con precisione cosa stava succedendo intorno a loro, anche se […]
Dopo la morte restiamo coscienti per almeno 20 secondi