Dopo la morte restiamo coscienti per almeno 20 secondi

Redazione

Negli ultimi decenni, gli scienziati hanno studiato le esperienze di pre-morte (NDE) nel tentativo di capire come il cervello affronta la morte e se esiste una vita dopo la morte.

Dopo la morte restiamo coscienti per almeno 20 secondi
foto@depositphotos.com

Alcune persone che hanno avuto una esperienza pre-morte hanno riferito con precisione cosa stava succedendo intorno a loro, anche se i medici pensavano ad una morte clinica in quel momento.

Sebbene i meccanismi esatti alla base di tali esperienze rimangano poco chiari, gli studi dimostrano che rimaniamo coscienti da due a 20 secondi dopo che la respirazione e il battito cardiaco si sono fermati.

Il momento della morte viene considerato quando una persona ha subito un arresto cardiaco, cioè la cessazione dell’impulso elettrico che fa battere il cuore. Di conseguenza, il cuore è bloccato. Questo momento, quando il cuore si ferma, secondo i medici, è il segno più chiaro di morte.

Ma cosa succede nella nostra mente durante questo processo?

Uno studio del 2013 che ha esaminato i segnali elettrici all’interno delle teste dei topi ha scoperto che i roditori sono entrati in uno stato di massima allerta poco prima di morire.

Alcuni scienziati ritengono che tale esperienza sia causata da una riduzione del flusso sanguigno combinato con un comportamento elettrico anormale all’interno del cervello. Quindi, un tunnel di luce bianca stereotipato può essere causato da un’esplosione di attività neurale.

Il Dr. Sam Parnia è Direttore della Critical Care and Critical Care Research presso la NYU Langone School of Medicine di New York City. Lui ei suoi colleghi hanno studiato esattamente come muore il cervello.

In un lavoro precedente, il dottor Parnia ha svolto ricerche sugli animali, studiando i momenti prima e dopo la morte. Ha anche studiato le esperienze di pre-morte, come riporta il portale esoreiter.ru.

Molte volte coloro che hanno avuto questa esperienza hanno descritto come fluttuavano nella stanza e si sono resi conto che il team medico stava lavorando sul loro corpo“, ha detto il dottor Parnia in un’intervista a Live Science.

Descrivevano di aver visto medici e infermieri al lavoro e descriveranno l’essere consapevoli di conversazioni complete, eventi visivi che stavano avvenendo che altrimenti sarebbero loro sconosciuti“.

Il personale medico lo conferma, ha detto. Ma come potevano le persone che erano tecnicamente morte essere consapevoli di cosa stava succedendo intorno a loro? Anche dopo che la respirazione e il battito cardiaco si sono fermati, rimaniamo coscienti da due a 20 secondi, afferma il dottor Parnia. 

Si ritiene che questo sia il tempo in cui la corteccia cerebrale può esistere senza ossigeno. Questa è la parte del cervello responsabile del pensiero e del processo decisionale. È anche responsabile della decifrazione delle informazioni ricevute dai nostri sensi.

Secondo il dottor Parnia, durante questo periodo, “perdi tutti i riflessi del tronco cerebrale – il riflesso del vomito, il riflesso della pupilla, è tutto sparito“. Le onde cerebrali dalla corteccia cerebrale diventano presto non rilevabili. Anche così, potrebbero essere necessarie diverse ore prima che il nostro organo pensante si spenga completamente.

Di solito, quando il cuore smette di battere, qualcuno esegue la RCP (rianimazione cardiopolmonare). Ciò fornirà circa il 15% dell’ossigeno necessario per la normale funzione cerebrale.

Se riesci a riavviare il cuore, che è ciò che sta cercando di fare la RCP, inizierai gradualmente a ripristinare la funzione cerebrale“, ha detto il dottor Parnia.

Più a lungo esegui la RCP, questi percorsi di morte delle cellule cerebrali continuano a verificarsi – accadono solo un po’ più lentamente“.

Un altro studio del dottor Parnia e dei suoi colleghi haesaminato un gran numero di europei e americani che hanno subito una morte clinica e sono sopravvissuti.

Nello stesso modo in cui un gruppo di ricerca può studiare la natura qualitativa dell’esperienza umana dell'”amore“, ha detto, “stiamo cercando di capire le caratteristiche esatte che le persone sperimentano quando attraversano la morte, perché comprendiamo che questo rifletterà l’universale l’esperienza che abbiamo. Avremo tutto quando moriremo“.

Uno degli obiettivi è osservare come il cervello funziona e reagisce durante l’arresto cardiaco, sia nel processo di morte che in quello di rinascita.

Allo stesso tempo, stiamo anche studiando la mente e la coscienza umana nel contesto della morte“, ha detto il dottor Parnia.

Next Post

Il Covid influisce sulla capacità di guidare

Sembra che il coronavirus possa causare danni anche alla capacità di guidare e di disegnare. Scienziati stranieri hanno scoperto che circa un quarto dei pazienti che si sono ammalati facilmente di Covid-19 hanno una ridotta capacità di disegnare. Ma non sono solo gli artisti che questo problema cognitivo può ferire, […]
Il Covid influisce sulla capacita di guidare