Darwinismo sociale, non tutti sanno di cosa si tratta

Redazione

Il darwinismo sociale è una teoria sociale fuorviante che tenta di adattare i principi di selezione naturale di Charles Darwin e applicarli alla società umana.

Questa teoria sociale, promuove una cultura che abbraccia il concetto di “sopravvivenza del più adatto” utilizzandolo per spiegare la povertà e giustificare le distinzioni di classe tra gli individui, nonché gli squilibri di potere tra le razze e le nazioni.

Tale teoria afferma che il successo che si ottiene nella società e la ricchezza raggiunta, è determinata dal proprio background genetico.

In quanto tale, era moralmente sbagliato assistere coloro che erano più deboli (minoranze povere, meno fortunate o svantaggiate) nella società perché si promuoverebbe in modo innaturale la sopravvivenza degli “inadatti” consentendo loro di riprodursi portando avanti questo patrimonio genetico “difettoso“.

Questo era quindi un modo naturale della natura di estirpare i geni dalla popolazione, destinati all’estinzione. È stato quindi utilizzato per giustificare i programmi eugenetici che miravano a cancellare i geni “indesiderabili” dei “non idonei” i meno fortunati che si sarebbero estinti nel tempo. In tal modo,

Ha fornito una giustificazione per le forme più di sfruttamento delle pratiche commerciali che è stata supportata dalle teorie dell’economia del laissez-faire.

Un sistema in cui i lavoratori erano sottopagati e oberati di lavoro. In quanto tali, queste grandi imprese non hanno riconosciuto i sindacati e si sono opposti al fatto che i governi non dovrebbero interferire con la competizione umana manomettendo l’evoluzione naturale della società.

Ciò include la regolamentazione dell’economia o l’aiuto alle persone più deboli (meno fortunate) della società. Erano, ad esempio, contro i ricchi che donavano denaro a programmi che avrebbero sostenuto i poveri e i bisognosi, così come il sistema scolastico pubblico (poiché costringeva i contribuenti a pagare per l’istruzione dei figli dei poveri).

Darwinismo sociale non tutti sanno di cosa si tratta
foto@Flickr

Erano contrari a tutti questi regolamenti e politiche perché avrebbero permesso a questi “inadatti” di trasmettere i loro tratti genetici di “scarsa qualità” alla loro prole, la generazione successiva. Questo ha quindi creato un grande divario tra ricchezza e povertà.

Il darwinismo sociale ha anche affermato che alcune razze o nazioni sono più adatte alla sopravvivenza di altre e sono quindi progettate dalla natura per dominare razze o nazioni inferiori.

Questa applicazione sbagliata della scienza è stata utilizzata per promuovere programmi sociali e politici, non voluti dallo stesso Darwin. Hitler usò queste idee e le incorporò nel nazismo.

I nazisti usarono questa giustificazione scientifica per uccidere milioni di ebrei durante la seconda guerra mondiale (l’Olocausto) come un modo per ripulire la genetica inferiore. Altri hanno anche usato questa teoria sociale sbagliata e pericolosa per compiere gravi crimini e malvagità sui loro simili.

Il colonialismo era anche visto come naturale, lontano dalla vita. Questo è stato caratterizzato dallo sfruttamento da parte di un paese più forte di uno più debole perché vedevano gli altri (nativi) come più deboli e inadatti a sopravvivere.

Ciò ha giustificato il sequestro e l’uso della terra e delle risorse del paese più debole per rafforzare e arricchire il paese più forte.

Questo concetto fu dedotto impropriamente dal filosofo e sociologo britannico Herbert Spencer (1820-1903) che divenne popolare alla fine del XIX secolo (in Europa e negli Stati Uniti) fino alla fine della seconda guerra mondiale.

Spencer ha adattato le idee darwiniane alle sue teorie etiche per spiegare perché individui o gruppi di persone erano al vertice economicamente, socialmente o politicamente e meno adatti a fallire e morire.

Questi individui o gruppi di persone erano visti come la “sopravvivenza del più adatto” perché gareggiavano contro gli altri e si erano dimostrati i più adatti alla società: il loro ambiente.

La società occidentale era avanzata (economica, politica e tecnologica anche militarmente) rispetto a quella di altre culture ed era quindi vista dai darwinisti sociali come superiore agli altri a causa delle capacità superiori dei bianchi (razza europea) rispetto ad altri gruppi “razziali”.

Quindi queste altre culture erano considerate destinate ad essere governate da questa razza superiore.

Quindi, il darwinismo sociale è una teoria sociologica che tenta di estendere i processi naturali nelle strutture sociali umane applicando la teoria della selezione naturale a questioni sociali, politiche ed economiche per giustificare l’imperialismo, il razzismo e le forme di sfruttamento del capitalismo.

Questo è stato usato per giustificare i programmi di eugenetica che alla fine farebbero estinguere i geni “indesiderabili” dei “non idonei” nel tempo.

Next Post

Conosci l'origine del termine OK?

Ci sono stati numerosi tentativi di spiegare l’emergere di questa espressione, che sembra essere entrata nell’uso popolare negli Stati Uniti durante la metà del XIX secolo, poi esportata in tutto il mondo. La maggior parte sono pura speculazione. Non sembra affatto probabile, dalle testimonianze linguistiche e storiche, che derivi dall’espressione […]
Conosci origine del termine OK