Dean Stanton, addio al grande interprete americano

Un altro pesante addio per il cinema americano: nelle scorse ore si è infatti spento l’attore Harry Dean Stanton, scomparso a 91 anni in un ospedale di Los Angeles.

Stanton  era uno degli attori preferiti di Sam Peckinpah, John Milius e Monte Hellman, ma era anche amico stretto di Francis Ford Coppola, che nel ‘Padrino II’ gli assegnò il ruolo di un agente Fbi a protezione di un testimone.

È attore feticcio soprattutto di David Lynch, che lo coinvolge in Cuore Selvaggio, Fuoco Cammina con Me, Una Storia Vera, Inland Empire e Twin Peaks.

Nato nel 1926 a West Irvine, Kentucky, Stanton ha combattuto nella battaglia di Okinawa durante la Seconda Guerra Mondiale, per poi spostarsi a Los Angeles per lavorare nello spettacolo: il suo primo film è La pista dei Tomahawks, western del 1957.

Quello fu solo l’inizio di una carriera piena di ruoli diversi, eclettica ed eterogenea che è passata da Il miglio verde a Una storia vera, da Paura e delirio a Las Vegas a Tu, io e Dupree, da This must be the place a The Avengers.

Nei decenni successivi alterna serie tv di successo come Alfred Hitchcock Presenta, Gli Intoccabili, Bonanza, e film come La Conquista del West, Nick Mano Fredda, Il Padrino – Parte II, Alien, The Rose, Soldato Giulia agli Ordini e 1997: Fuga da New York.

Sul piccolo schermo lo ricordiamo soprattutto per essere stato il patriarca della famiglia poligama in Big Love sulla HBO, e per il ruolo di Carl Rodd in Fuoco Cammina con Me e diversi episodi della terza stagione di Twin Peaks, da poco conclusasi.

Il suo film più recente è Lucky, per la regia di John Carroll Lynch, film che racconta di un ateo che deve fare i conti con la sua mortalità e che dovrebbe arrivare nei cinema statunitensi il 29 settembre, ma di cui non si conosce ancora una data di debutto italiana che, probabilmente, avverrà nel 2018.

Next Post

Tom Hardy spegne le sue prime 40 candeline

Bellissimo lo è senza alcun dubbio, talentuoso anche, e a quanto pare il tempo che passa non fa che conferirgli ancora maggior fascino agli occhi delle donne di tutto il mondo. Ed in queste ore Tom Hardy ha soffiato sulle sue prime 40 candeline: eroe ruvido, macho, sexy, perennemente fuori […]