Dieta giapponese: il digiuno fa miracoli per la salute e la linea?

Dieta giapponese: il digiuno fa miracoli per la salute e la linea?

0
dieta-giapponese

Sicuramente  a dietologi e nutrizionisti di mezzo mondi si accapponerà la pelle, passando la vita a ripetere ai pazienti che diete drastiche non portano ad un dimagrimento sano e soprattutto duraturo, e che bisogna mangiare cinque pasti al giorno, preferendo frutta verdure e carni bianche ai cibi grassi e agli zuccheri, eppure negli ultimi tempi sta spopolando una particolare dieta giapponese, che nulla ha in comune con la classica alimentazione mediterranea, considerata la più sana al mondo.

I giapponesi sfidano la dieta mediterranea con una dieta ispirata alle note abitudini alimentari dei giapponesi: il nuovo regime alimentare è stato ideato dal dottor Yoshinori Nagumo, presidente dell’International Anti Aging Medical Society e della Nagumo Clinic, specializzato in terapie anti-cancro.

Yoshinori Nagumo nel suo libro “Il magico potere del digiuno” edito da Vallardi , spiega il metodo giapponese per mantenersi in salute, prevenire le malattie e rallentare l’invecchiamento.

“Studi recenti – dice – hanno dimostrato che la fame ha un impatto fondamentale sul benessere fisico. Il brontolio dello stomaco è un segnale che, a livello cellulare, nell’organismo avvengono reazioni positive che fanno addirittura ringiovanire”.

Il dottor Nagumo spiega di aver testato anche su se stesso il metodo, così da una decina di anni mangia un solo pasto al giorno.

In questo regime alimentare, innanzitutto bisogna saltare la colazione: non mangiare ma bere, evitando alimenti ricchi di zuccheri perché stimolano l’ormone dell’insulina e fanno aumentare i depositi di grasso viscerale.

Bisogna poi mangiare poco a pranzo per evitare la sonnolenza o favorire alimenti a basso indice glicemico per evitare il picco insulinico.

Per vivere bene basta consumare un unico pasto (preferibilmente la cena), evitando caffè a stomaco vuoto. Come alternativa è concesso l’infuso di radice di bardana, da bere tutte le volte che si ha sete.

Per il suo ideatore, per evitare la sindrome metabolica ci sono quattro regole da seguire: non mangiare troppo, non abusare di grassi, non abusare di zuccheri, non abusare del sale.

Molto importante infine è coricarsi e alzarsi di buon’ora. Il momento migliore per dormire bene e tutta la notte è coricarsi subito dopo cena.

Nessun Commento

Rispondi