Emma Watson diretta in un horror da Amenábar

Il conto alla rovescia è quasi terminato: domani arriva nelle sale  il nuovo thriller dalle venature dark del regista Premio Oscar Alejandro Amenabar, che in Regression dirige magistralmente Ethan Hawke e Emma Watson.

La pellicola è ambientata nel Minnesota, nel 1990. Angela accusa il padre, John Gray (David Dencik), di un crimine terribile: averla violentata ripetutamente durante l’infanzia. E quando John, inaspettatamente e senza averne memoria, ammette la sua colpa, il famoso psicologo Dottor Raines (David Thewlis) viene chiamato per aiutarlo a rivivere i suoi ricordi, ma ciò che verrà scoperto smaschererà un orribile mistero: si scopre infatti che fa parte di una setta satanica che compie queste e altre atrocità ai danni di innocenti.

Amenábar ha come obiettivo principale far capire allo spettatore come il Detective si trasformi durante il film a causa delle varie scoperte fatte sulla setta satanica, un viaggio introspettivo e psicologico che appare perfettamente riuscito.

Quello che però penalizza la pellicola è certamente il solco tra Ethan Hawke e Emma Watson, che c’è ed è fin troppo evidente: Emma interpreta un personaggio-chiave che potrebbe usare per sdoganarsi dal passato ma la fissità, l’assenza di micromimica e l’estremo contrasto che, al contrario, Ethan Hawke dona al suo personaggio, creano una crepa che è impossibile non notare.

Loading...
Potrebbero interessarti

Shannen Doherty ritorna alla vita, anche quella mondana

Ha combattuto strenuamente la sua battaglia, ed anche se la paura che…

Paola Ferrari, tweet dopo la strage di Nizza scatena i social

Sono ore terribili per tutta l’Europa: i terroristi dell’Isis stanno raggiungendo il…