Errore di calcolo, viviamo nel 1700 e non nel 2021

Redazione

Secondo l’ipotesi del tempo fantasma sono conteggiati in modo sbagliato quasi 300 anni di storia umana e attualmente viviamo nell’anno 1724.

Anche se il 2020 sarà forse l’anno peggiore della storia, alcuni teorici appoggiano i calcoli di un piccolo numero di storici che avrebbe confermato come il Medioevo non sia mai accaduto ed i nostri calendari sono notevolmente fuori sincronia con la cronologia effettiva. Secondo lo storico tedesco Herbert Illig, l’anno attuale è il 1724.

Errore di calcolo viviamo nel 1700 e non nel 2021

Illig propose per la prima volta negli anni ’80 l’ipotesi del tempo fantasma, secondo la quale i calendari venivano confusi e fatti avanzare di circa 297 anni.

Lo storico ha proposto che gli anni tra il 614 e il 911 d.C. fossero semplicemente ignorati, sebbene il ragionamento esatto dietro questo monumentale errore di trascrizione non sia chiaro.

Una versione afferma che l’imperatore del Sacro Romano Impero, Ottone III (dal 980 al 1002 d.C.) voleva che il suo regno iniziasse nel 1000 d.C., piuttosto che nel 700 – o 996 d.C. com’era realmente.

Si dice che l’imperatore abbia tramato con papa Silvestro II (dal 946 al 1003 d.C.) per far avanzare i calendari.

Illig ha anche basato le sue affermazioni su una discrepanza tra il calendario giuliano introdotto sotto Giulio Cesare nel 45 a.C., il calendario gregoriano introdotto nel 1582 d.C. e l’anno solare.

Il calendario giuliano introduceva un anno bisestile ogni quattro anni, rendendo il suo anno medio di 365,25 giorni.

Ma il vero anno solare dura 365,24219 giorni, il che significa che il calendario giuliano guadagna un giorno ogni 128 anni. 

Ciò ha creato una discrepanza di 13 giorni nel momento in cui il calendario gregoriano è stato introdotto quasi più di 1.600 anni dopo, il che non è stato interamente affrontato da Papa Gregorio XIII e dai suoi matematici.

Il Papa aveva considerato solo una discrepanza di 10 giorni nel 1582, quindi il 4 ottobre 1582 sul calendario giuliano fu immediatamente seguito dal 15 ottobre 1582 sul calendario gregoriano.

Se ci fosse una discrepanza di 10 giorni, ciò significherebbe che il calendario giuliano è stato adottato per circa 1.280 anni (10 moltiplicato per 128) – i tre giorni sommati a tre secoli – e non  1.664 anni (13 moltiplicato per 128).

In altre parole, significherebbe che Giulio Cesare ha introdotto il calendario più di 300 anni dopo la sua morte.

Questo significa che la storia ha sorvolato su circa 300 anni di storia umana?

Se così fosse, significherebbe che personaggi come Carlo Magno, il re dei Franchi, non sono mai esistiti o vissuti in momenti diversi nel tempo.

Le osservazioni astronomiche mostrano che molti eventi, come il passaggio della cometa di Halley nel 240 aC, registrato da testi cinesi, sono realmente accaduti, anche se l’ipotesi del tempo fantasma afferma che questi “anni fantasma” non sono reali.

Anche la datazione di reperti archeologici e monumenti fa saltare in aria la teoria.

E sebbene la maggior parte degli storici abbia rifiutato apertamente la teoria, alcuni ne hanno avuto interesse negli anni ’90.

Il dottor Hans-Ulrich Niemitz ha scritto un articolo sulla teoria nel 1995, in cui ha approfondito le idee di Illig.

In un articolo intitolato Did the Early Middle Ages Really Exist?, scrisse: “Questa domanda in sé – e ancor di più la risposta ‘NO, l’Alto Medioevo non esisteva’ – è a dir poco sorprendente“.

È in contraddizione con tutte le conoscenze di base a tal punto che al lettore di questo articolo viene chiesto di essere paziente, benevolo e aperto a idee radicalmente nuove“.

Lo storico ha citato prove archeologiche, che ritiene sostenessero la teoria.

Vale a dire, la cappella medievale di Aquisgrana in Germania, che secondo lui era stata costruita 200 anni prima.

Come è arrivato a questa conclusione? Niemitz ha semplicemente detto che era architettonicamente fuori luogo per il periodo di tempo.

Next Post

Covid-19: Negli Stati Uniti nasce il fenomeno del turismo vaccinale

L’immunizzazione contro il COVID-19 ha generato un nuovo fenomeno negli Stati Uniti: il “turismo vaccinale , dove i viaggiatori di altri stati, o stranieri, si recano in diverse contee degli Stati Uniti per essere vaccinati prima. Di fronte a questa crescente ondata di “non residenti” in cerca di vaccini, Stati come Florida, California, New York e Texas hanno preso provvedimenti […]
Negli Stati Uniti nasce il fenomeno del turismo vaccinale