Fabri Fibra, nuovo processo per le “offese” su Valerio Scanu

Le cattive abitudini sono dure a morire, e lo sa bene Fabri Fibra che, dopo essere stato, già in passato, querelato per aver rivolto insulti omofobi al cantante Valerio Scanu, ci è ricascato, ritrovandosi quindi di nuovo costretto a rispondere in tribunale delle sue affermazioni.

Il rapper, nel 2013, diffamò Scanu con alcune parole del brano A me di te, rime che, recitava la sentenza, si riferivano “con scherno ai suoi orientamenti sessuali”.

Il nuovo procedimento a carico del rapper è la conseguenza di un fatto consumatosi nel 2015, dunque dopo la prima condanna, quando, durante un concerto, Fibra intonò “A me di te” lasciando che fosse il pubblico a cantare le rime incriminate.

L’episodio spinse Scanu a denunciare nuovamente Fibra, per diffamazione, ma anche per istigazione a delinquere, imputazioni per le quali il pm Cristian Barilli aveva chiesto l’archiviazione.

Il giudice Manuela Accurso Tagano ha però respinto la richiesta di archiviazione della Procura per quel reato e ha disposto l’imputazione coatta per Fabrizio Tarducci in un procedimento che è, in sostanza, la “seconda puntata” di una querelle tra i due artisti che va avanti da qualche anno.

Il giudice ha deciso solo di archiviare l’accusa di istigazione a delinquere spiegando, in sostanza, che è un reato a tutela dell’ordine pubblico e non si poteva applicare in questo caso.

La data della prima udienza non è ancora stata resa nota.

FONTE

Potrebbero interessarti

Il Segreto, anticipazioni lunedì 23 novembre

Dopo l’avvincente puntata di ieri, andata in onda in prima serata, anche…

Catatumbo il temporale più forte della storia

Sebbene ogni volta che arriva un temporale, in particolar modo quelli estivi,…