Facebook, attenzione alla privacy: ecco che cosa sapere

Eleonora Gitto

Attenzione alla privacy su Facebook: ecco che cosa sapere.

Oggigiorno, in un mondo totalmente globalizzato e interconnesso, le informazioni, anche quelle private, schizzano via alla velocità della luce. E, una volta uscite, valle poi a riacchiappare.

Facebook, in positivo e in negativo, è un formidabile veicolo di trasmissioni di dati, anche quelli che forse non vorremmo trasmettere. Vediamo qualche esempio che potrebbe essere di interesse.

Ne “I tuoi interessi” ci sono informazioni molto importanti che possono essere utilizzate per annunci personalizzati, e magari indesiderati. Alcune di queste informazioni potrebbero essere imbarazzanti.

Ne “Il tuo compleanno”, ovviamente, c’è la data, che è comunque un’informazione molto sensibile, anche perché, ad esempio, molte banche utilizzano questo come uno dei parametri di accesso. Attenzione.

“Dove si è lavorato o dove si è andati a scuola”, pare un’informazione estremamente inoffensiva.

Tuttavia, potrebbe essere un’informazione utile per qualche malintenzionato che voglia conoscere tutto di noi, compresa condizione sociale e possibilità economiche.

Esiste poi il capitolo di “foto, post, video” che possono risultare imbarazzanti. Una volta messe sul sito, ne possono fare l’uso che vogliono.

Anche usi estremamente sgraditi. Conclusione? Date meno informazioni possibile. A tutti.

Next Post

Bob Dylan, non solo musica: dipinti in mostra a Londra

Bob Dylan, non solo musica: dipinti in mostra a Londra. Potrebbe definirsi un artista a tutto tondo, e forse lo è. Come musicista e interprete, Bob Dylan ha aperto un varco nella storia. Come scrittore è stato appena insignito del Premio Nobel, e probabilmente lo merita. Come pittore non sapremmo […]
Bob Dylan, non solo musica: dipinti in mostra a Londra