Fotovoltaico, rivoluzionarie celle stampate in 3 D

Il progresso è tanto più utile e fondamentale quanto mira ad aiutare ed appare i bisogni di popolazioni che nel mondo vivono ancora in condizioni disagiate, sena neppure i servizi minimi per appagare i bisogni primari.

Nonostante nei paesi occidentali sia difficile anche solo immaginarlo, nel mondo esistono ancora oltre 1,3 miliardi di persone che vivono in zone dove non arriva la corrente elettrica: l’unica soluzione sono al momento le fonti di energia alternativa.

Una grande opportunità potrà venire presto dal settore del fotovoltaico: secondo quanto riferito nella World Conference of Science Journalists di Seul, in Corea del Sud, gli scienziati sarebbero in grado  di stampare in 3 d anche le celle fotovoltaiche.

La tecnologia è costituita dal materiale di cui sono composte le celle: la perovskite. Si tratta di un cristallo che garantisce elevati rendimenti, al contrario delle attuali tecnologie usate dai pannelli a base di silicio, che per funzionare richiedono una grande quantità di luce solare. Questo materiale offre inoltre una maggiore flessibilità, il che facilita anche il trasporto verso le aree rurali: ecco perché si potrebbe arrivare in tutte le zone isolate o disagiate, dei paesi del terzo mondo.

I vantaggi vanno dai costi all’efficienza energetica, al trasporto dei dispositivi, ma non mancano gli svantaggi :i “fogli” solari stampati, per esempio, sono molto suscettibili all’umidità e potrebbero causare contaminazione da piombo in caso di rottura, senza contare che mancano i capitali da investire in nuove stampanti 3D industriali perfezionate.

Loading...
Potrebbero interessarti

Ecco come la National Security Agency sorveglia i suoi cittadini

Col passare degli anni cambiano le modalità e i mezzi, ma non…

PornoHub, oltre 3,5 milioni di dollari da raccogliere per girare un porno spaziale

Lo spazio e il mondo dell’hard, chi ci avrebbe mai pensato, eppure…