Francesco Renga porta la sua musica nei Palazzetti italiani

Il disco è stato un grandissimo successo di pubblico e di critica, e il tour non potrà che essere da meno: sabato 15 ottobre ha debuttato il tour “Scriverò il tuo nome – Live nei palasport” con il quale Francesco Renga torna sul palco, dopo il successo del 2015 culminato con il concerto-evento all’Arena di Verona, davanti a 10.000 spettatori al Mediolanum Forum, sold out in prevendita.

«Volevo fare uno show discreto senza stare sopra le righe. In questi anni c’è un pubblico che è cresciuto con me, era il momento di ricambiare in modo diverso. Scrivendo la scaletta mi sono accorto che l’amore è il filo che lega il mio passato al presente musicale», ha spiegato Renga ai giornalisti. Quasi 40 canzoni per oltre due ore di musica muovendosi tra i successi più datati e i pezzi dell’ultimo lavoro.

Per tutta la durata del concerto i cinque maxi schermi allestiti sul palco hanno proiettato foto, frasi e dediche inviate dal pubblico tramite un’apposita app e un’iniziativa lanciata nei giorni scorsi sui social, attraverso la pagina Facebook di Francesco Renga: Un modo per rendere partecipe i fan, ma soprattutto per ringraziarli.

«Salgo sul palco dei palazzetti con consapevolezza e con l’intento di godermi tutto dall’inizio alla fine» spiegava Renga a poche ore dalla data uno. «I palazzetti sono una scelta dettata dai numeri, ma quello che sono oggi mi porta a viverli mettendo il pubblico al centro. È un racconto iniziato parlando d’amore, e che continua su questa strada. Non è difficile cantarlo, ma trovarlo e comunicarlo: stride con quello che viviamo quotidianamente ascoltando i fatti che accadono. Per cui, la rivoluzione vera, deve cominciare dalla vita di ognuno di noi».

Il tour ora proseguirà per altre quattro tappe: il 19 ottobre alla Fiera di Brescia, il 20 alla Kioene Arena di Padova, il 22 per la prima volta al Palalottomatica di Roma e il 23 ottobre al Palaflorio di Bari.

Next Post

Amber Rose si proclama regina dell’autoerotismo

Ci sono donne per cui la vita intima è sacrosanta e deve restare segreta tra le quattro mura della camera da letto e c’è poi chi, come Amber Rose insegna, racconta la propria con dovizia di particolari. Amber Levonchuck ,meglio nota come Amber Rose, classe ’83 e fisico da urlo, è […]