Giappone: Aumentano i suicidi dopo la pandemia da coronavirus

Redazione

Dallo scoppio della pandemia di coronavirus, i tassi di suicidio sono aumentati in modo significativo in Giappone. All’inizio, gli esperti hanno avvertito che, a causa di vincoli economici, potrebbero verificarsi conseguenze molto gravi che avrebbero un effetto estremamente negativo sulla salute mentale delle persone.

L’American Medical Association ha pubblicato un articolo all’inizio di aprile affermando che il distanziamento sociale potrebbe aumentare significativamente il rischio di un aumento dei tassi di suicidio. Sette mesi dopo, si è scoperto che la ricerca che gli scienziati hanno poi condotto si è rivelata corretta.

In Giappone, molte più persone muoiono per suicidio che per il coronavirus. Allo stesso tempo, il paese ha affrontato la malattia meglio di chiunque altro e ha mantenuto il tasso minimo di mortalità. Le statistiche mostrano che in ottobre il numero di suicidi è salito a 2153. Questo aumento è stato osservato per quattro mesi.

Aumentano i suicidi dopo la pandemia da coronavirus

Per molto tempo, la mortalità dovuta al suicidio in Giappone è sempre stata in costante calo. Ma dopo l’inizio del coronavirus e l’introduzione di regole severe, la situazione è cambiata completamente. Nell’ultimo mese sono morte 600 persone in più rispetto all’intero anno scorso.

Katsunobu Kato, il rappresentante del Giappone, ha detto che bisogna fare qualcosa al riguardo. Al momento vengono consultate potenziali vittime.

Negli Stati Uniti, a differenza del Giappone, non sono ancora stati pubblicati dati sui decessi per suicidio. Secondo dati non ufficiali, diventa chiaro che anche la situazione non è del tutto allegra. Vale la pena notare che in America ogni anno muoiono da 42 a 49mila persone per suicidio. Sebbene non si sappia ancora quante vittime siano state nel 2020, molti americani hanno affermato di essere stati mentalmente colpiti dalla pandemia.

Next Post

Baba Vanga, il 22 dicembre nuova data per apocalisse

Oggi su Internet si possono trovare molte previsioni spaventose sulla presunta sensitiva denominata Baba Vanga. Alcuni media hanno trasmesso le parole invece del veggente – Sergei Kostorny, che spiega: “Un corpo enorme colpirà l’acqua, le onde copriranno molti paesi, il sole si spegnerà per tre anni. Solo i buoni sopravviveranno e […]
Baba Vanga il 22 dicembre nuova data per apocalisse