Gli Ufo italiani si chiamano Ovni: gli avvistamenti nel Belpaese
Gli Ufo italiani si chiamano Ovni: gli avvistamenti nel Belpaese

L’acronimo Ufo, Unidentified Flying Object o Unknown Flying Object in inglese, per l’Aeronautica Militare di casa nostra diventa Ovni: oggetti volanti non identificati.

Gli avvistamenti di questi oggetti voltanti si fanno sempre più frequenti. In Italia solo nel 2016 se ne sono avvistati quattro.

Secondo quanto disposto nel 1978 da Giulio Andreotti, l’allora Presidente del Consiglio, il compito di “raccogliere, verificare e monitorizzare le segnalazioni”, spetta all’Aeronautica.

In particolare al Reparto Generale Sicurezza dello Stato Maggiore dell’Aeronautica.

Ogni avvistamento è descritto con una precisione maniacale in un apposito modulo pubblicato sul sito istituzionale.

Come si può facilmente immaginare ogni anno di segnalazioni ne arrivano a iosa.

I Militari quando possono cercano di spiegare scientificamente, di volta in volta, quegli oggetti volanti insoliti che fanno gridare “all’Ufo, all’Ufo”, o quelle strane luci a zig zag nel cielo che inquietano l’osservatore di turno.

Non sempre però è possibile fornire spiegazioni. In quei casi qualche dubbio che gli alieni svolazzino sulle nostre teste, rimane.

Per alcuni avvistamenti del 2016, per esempio, spiegazioni non ne sono state date.

Il primo Ufo è stato segnalato l’8 febbraio 2016 a Pieve d’Alpago, in provincia di Belluno.

Intorno alle 16 di un giorno molto sereno è stata segnalata una luce bianca splendente, a circa 2 mila metri di altezza. L’oggetto procedeva a zig zag e a velocità costante.

Il successivo avvistamento c’è stato il 15 agosto a Misano Adriatico, in località Porto Verde.

Qui sembrerebbe che gli Ufo fossero in formazione. Alle 14,34, infatti, sono stati visti una serie di oggetti di forma sferoidale, suddivisi in due gruppi: uno di colore bianco, l’altro anche rosso arancio. Tutti volavano a circa 8 chilometri da terra e a meno di 100 chilometri orari, sia dritti che in senso rotatorio.

Il terzo caso è stato registrato in provincia di Venezia, a Spinea. Il 23 settembre alle ore 21 a soli 300 metri da terra volavano tanti oggetti di forma rotonda divisi in formazioni di colore bianco, verde e rosso. Questi colorati Ufo volavano in tutte le direzioni.

L’ultimo avvistamento c’è stato sempre a Spinea il 4 dicembre. In quel giorno gli oggetti avvistati furono due pare di forma rotonda e di colore grigio.

Spiegano dall’Aeronautica: “Dai dati raccolti presso gli enti preposti della forza armata non è stato possibile associare l’evento ad attività di volo o radiosondaggio conosciuta”.

Questo non vuol dire che si trattasse di una navicella aliena, ma solo di un Ovni: oggetto volante non identificato.

1 comment

Comments are closed.

Loading...
Potrebbero interessarti

Test: Trova le differenze in 60 secondi

Metti a dura prova la tua abilità di osservatore e cerca di…

Bin Laden le ultime parole paura di essere spiato

L’ex leader di Al Qaeda aveva paura delle microspie, la paura principale…