Google, il diritto all’oblio non sarà esteso a tutto il mondo

Che Google fosse reticente fin da subito ad accettare le disposizioni europee in materia di diritto all’oblio non è mai stato un mistero, e difatti fino a dove è stato costretto, sotto la minaccia di pesanti sanzioni, ha obbedito, ma di certo non ci sta ad abbassare la testa ed “obbedire” a ogni tipo di disposizione.

E così il gigante tecnologico ha sottolineato la sua posizione. Google non intende mettersi a disposizione della Francia e della sua ambizione di globalizzare il diritto all’oblio: se i censori del mondo pretendessero censure globali, spiega Google, l’informazione sarebbe ridotta al silenzio.

In pratica il garante della privacy francese chiedeva un’estensione del diritto all’oblio da tutti i server del famoso motore di ricerca, non solo nel vecchio continente: richiesta assurda per Google che l’ha declinata con forza.

Google ritiene, infatti, che nessun paese possa decidere ciò che può essere visualizzato in rete nel resto del mondo, e adeguarsi ad una richiesta del genere potrebbe avere effetti devastanti sulla libertà di internet, considerando che in molti paesi esistono limitazioni su ciò che può essere diffuso online, e questo rischierebbe di rendere meno libero il web.

Loading...
Potrebbero interessarti

Uber Elevate: arrivano le auto volanti, come nella fantascienza

Uber Elevate: arrivano le auto volanti, come nella fantascienza. Forse nella fantascienza…

La coscienza sopravvive alla morte, lo dice la scienza

Tradizionalmente, la scienza ha liquidato l’anima come oggetto del credo umano, o…