Google, preferire la modalità notte per risparmiare batteria

I nostri smartphone ormai sono capaci di aiutarci nelle situazioni più disparate, con un’applicazione disponibile per ogni occasione, ma parallelamente rischiano di “abbandonarci” in ogni momento: se la loro memoria si può espandere quasi all’infinito, lo stesso non si può dire della batteria, che al contrario sembra reggere sempre meno.

E più applicazioni teniamo attive, più la batteria si scarica rapidamente: e allora come fare per non vedere il telefono spegnersi a metà giornata?

Tra i diversi accorgimenti, uno ce lo suggerisce direttamente Google: secondo il colosso non è solo la luminosità ad influire sulla durata delle nostre batterie, ma anche il colore, e quindi Google ha dimostrato che la Dark Mode, o modalità notte, ottiene i risultati migliori in termini di ridotti consumi energetici.

La differenza tra la massima luminosità e la modalità notturna è notevole, grazie alla capacità dei pannelli OLED di “spegnere” i pixel in presenza di colore nero sul display, portando così a un risparmio energetico netto.

Il bianco, al contrario, è di gran lunga il colore che consuma più energia e ciò ha portato Google a riconoscere che l’importanza attribuita a tale colorazione nelle sue app e nelle linee guida di stile di Android non è proprio l’ideale.

Potrebbero interessarti

Astronomia: 31 gennaio congiunzione fra Venere, Marte e Luna

Grande congiunzione fra Venere, Marte e Luna per martedì 31 gennaio. Il…

Facebook, un motore di ricerca per le immagini come Google?

Sembra che Facebook stia testando un motore di ricerca per le immagini…

Facebook, Garante Privacy: rimuovere velocemente i post offensivi

“I contenuti lesivi della dignità della persona vanno rimossi da Facebook con…

La patata su Marte è una realtà, parola degli scienziati

La patata su Marte è una realtà, parola degli scienziati. Ormai da…