Google, preferire la modalità notte per risparmiare batteria

Redazione

I nostri smartphone ormai sono capaci di aiutarci nelle situazioni più disparate, con un’applicazione disponibile per ogni occasione, ma parallelamente rischiano di “abbandonarci” in ogni momento: se la loro memoria si può espandere quasi all’infinito, lo stesso non si può dire della batteria, che al contrario sembra reggere sempre meno.

E più applicazioni teniamo attive, più la batteria si scarica rapidamente: e allora come fare per non vedere il telefono spegnersi a metà giornata?

Tra i diversi accorgimenti, uno ce lo suggerisce direttamente Google: secondo il colosso non è solo la luminosità ad influire sulla durata delle nostre batterie, ma anche il colore, e quindi Google ha dimostrato che la Dark Mode, o modalità notte, ottiene i risultati migliori in termini di ridotti consumi energetici.

La differenza tra la massima luminosità e la modalità notturna è notevole, grazie alla capacità dei pannelli OLED di “spegnere” i pixel in presenza di colore nero sul display, portando così a un risparmio energetico netto.

Il bianco, al contrario, è di gran lunga il colore che consuma più energia e ciò ha portato Google a riconoscere che l’importanza attribuita a tale colorazione nelle sue app e nelle linee guida di stile di Android non è proprio l’ideale.

Next Post

Nintendo Switch ora supporta YouTube

Nintendo Switch continua a macinare successi e consensi, confermandosi tra le consolle più vendute al mondo e dando filo da torcere ai diretti avversari. Un successo meritato anche grazie alle continue innovazioni, come ad esempio il supporto a Youtube, che è appena stato reso disponibile per tutti i possessori della […]