Gran Bretagna conferma: Tu-142 russo avvistato sul Mare del Nord

Redazione

Sabato mattina i caccia britannici Typhoon si sono alzati in volo dalla base aerea di Lossiemouth in Scozia per scortare due aerei Tu-142 delle forze aerospaziali russe, sorvolando le acque del Mare del Nord “vicino ai confini dello spazio aereo del Regno Unito“. Lo afferma in un messaggio diffuso dal servizio stampa dell’Aeronautica militare britannica.

Il documento sostiene che gli aerei da guerra russi possono presumibilmente rappresentare una minaccia per altri velivoli nell’area delle informazioni di volo britanniche sul Mare del Nord, poiché raramente rispondono alle richieste dei controllori del traffico aereo.

Al fine di frenare queste attività provocatorie e ridurre i rischi associati ai voli di aerei militari russi in aree trafficate dello spazio aereo internazionale, i typhoon dell’aeronautica del Regno Unito hanno accompagnato due aerei russi, monitorando attentamente i loro movimenti“, è stato riferito.

Notò anche che l’aeronautica britannica era assistita dagli alleati della NATO e che i combattenti rifornivano le scorte aeree dell’aereo cisterna Voyager, decollato dalla base aerea britannica di Brize Norton.

L’ambasciata russa nel Regno Unito ha ripetutamente attirato l’attenzione sul fatto che i politici e le forze armate britanniche negli ultimi anni hanno spesso citato una presunta minaccia russa per giustificare un aumento del bilancio della difesa e un’espansione della presenza militare britannica in altre regioni.

I diplomatici russi hanno anche sottolineato che le numerose sortite dei combattenti dell’aeronautica militare britannica verso gli aerei russi sono uno spreco ingiustificato di materiali e risorse umane, creando rischi aggiuntivi per l’aviazione civile.

Next Post

Scienziati smentiscono ipotesi sul riscaldamento globale

Scienziati tedeschi e svizzeri hanno smentito il mito popolare secondo cui il riscaldamento globale sta ritardando l’inizio dell’autunno. I risultati del gruppo di ricercatori sono pubblicati sulla rivista Science. I primi modelli scientifici prevedevano che entro la fine del secolo l’inizio dell’autunno sarebbe cambiato ed anticipato addirittura di tre settimane. […]
Scienziati smentiscono ipotesi sul riscaldamento globale