Harry D’Inghilterra, tutti temono di diventare sovrani

Costantemente sotto l’occhio del mondo intero fin dalla nascita, non è certo facile essere un principe, e lo sa bene Harry D’Inghilterra: accusato di essere più scapestrato e farfallone del fratello, già sposato e con prole, il giovane principe ha dovuto sopportare da piccolissimo il dolore terribile della morte della madre, e non è stato certo facile per lui superare il lutto.

Lo ha raccontato diverse volte, e lo ha ripetuto in una recente intervista a Newsweek: “Mia madre era appena morta e dovevo camminare per un lungo tratto dietro la sua bara, circondato da migliaia di persone che mi guardavano, mentre altri milioni lo facevano davanti alla televisione. Penso che a nessun bambino dovrebbe essere chiesta una cosa del genere, in nessuna circostanza. Non credo che oggi succederebbe”.

Un dolore così profondo che lo ha condotto vicino all’esaurimento e alla depressione: “Sono stato vicino a un esaurimento. Mi rifiutavo di pensare a lei. Ho messo sotto chiave le emozioni”.

Per fortuna, anche grazie all’aiuto del fratello maggiore William che gli ha consigliato di rivolgersi a uno specialista, è riuscito a: “Tirare fuori la testa dalla sabbia, iniziare a dare ascolto alla gente e decidere di usare il mio ruolo a fin di bene. Oggi amo organizzare eventi benefici, incontrare le persone, farle ridere”.

Un Harry che nell’intervista al noto giornale si è messo a nudo, confessando anche il suo desiderio più profondo, quello di poter vivere una vita normale, come tutti gli uomini della sua età, e difatti già cerca di vivere una quotidianità “ordinaria”: “La gente sarebbe sorpresa della vita ordinaria che facciamo io e mio fratello William. Vado a fare la spesa al supermercato da solo. Lo farei anche se fossi il re. A volte quando mi allontano dal banco della carne, ho paura che qualcuno mi abbia fotografato. Ma sono determinato ad avere una vita normale”.

Eppure Harry è il quinto in linea di successione per il trono d’Inghilterra: prima di lui ci sono, nell’ordine, suo padre Carlo, suo fratello maggiore William e i suoi nipotini George e Charlotte, i figli di William e Kate.

Eppure, a detta del principe, il trono di San Giacomo non è “bramato” dagli eredi ma viene visto più che altro come un dovere cui adempiere per rispetto dei sudditi: “C’è qualcuno che voglia essere re o regina? Non credo, ma dobbiamo assolvere i nostri doveri al momento giusto”.

“La monarchia è una forza positiva”, aggiunge il secondogenito di Carlo e della scomparsa principessa Diana. “Vogliamo portare avanti l’atmosfera positiva creata dalla regina per 60 anni, ma non cercheremo di metterci nei suoi panni. Siamo impegnati a modernizzare la monarchia britannica. Non per noi stessi, bensì per il bene della gente”. Anche se poi precisa che è “un complicato gioco di equilibrio, non vogliamo diluire la magia della casa reale, il popolo britannico e in fondo anche il resto del mondo hanno bisogno di istituzioni così”.

Next Post

Fedez querelato dal ministro Franceschini e dalla SIAE

Fedez è uno abituato a dire le cose sempre senza censure, con la sua faccia da schiaffi che spesso gli consente di rimanere “impunito”: negli anni ne ha lanciate tante di accuse e invettive, nelle interviste e soprattutto nelle strofe delle sue canzoni, ma stavolta ci è andato pesante e […]