Hilaria Baldwin, selfie in lingerie a due ore dal parto

Nonostante il parto sia uno dei momenti più naturali e più belli della vita di una donna, ancora in troppe si vergognano dei segni che sovente la gravidanza lascia sul proprio corpo: molte non accettano le smagliature, altre qualche kg in più che magari non va via immediatamente.

Proprio a queste donne si rivolge Hilaria Baldwin che, a poche ore dal suo terzo parto, si è scattata un selfie in biancheria, per mostrare che si può essere e sentirsi bellissime anche con i segni del recente parto a segnare la siluette.

Nel bagno dell’ospedale in cui ha partorito Leonardo, la giovane 32 enne ha scattato un selfie in lingerie a pancia scoperta e ancora arrotondata, invitando le donne all’autostima e a non vergognarsi del proprio corpo.

Immesse in Rete a pochi giorni dal travaglio, le foto della moglie di Alec Baldwin si configurano come il culmine di un lungo processo, nel corso del quale Hilaria ha voluto rendere conto della sua terza gravidanza rendendola pubblica in ogni sua fase, con l’intento di mostrarne gli aspetti positivi e il naturale processo di evoluzione e trasformazione del suo corpo.

“Ho scattato questa foto ad appena 2 ore dalla nascita di Leonardo. Mi rende nervosa questo genere di cose, ma credo che in questo periodo di imbarazzo per il proprio corpo, è necessario fare tutto il possibile per rendere “normale” il corpo reale e promuovere la sana autostima”, ha commentato.

Hilaria ha già due figli e questo è il terzo avuto in soli tre anni: per Alec Baldwin dopo Ireland, avuta da Kim Basinger nel 1995, sono arrivati Carmen nel 2014, Rafael e ora Leonardo.

Next Post

Val Kilmer guarito dal tumore dopo la tracheotomia

Un bruttissimo periodo molto probabilmente messo alle spalle, quello passato dall’attore Val Kilmer che ha davvero combattuto tra la vita e la morte. Molti mesi fa si era parlato delle sue condizioni di salute, i media spesso lo avevano immortalato mostrando il suo calo fisico, diversi chili in meno e […]
Val Kilmer guarito dal tumore