Ictus, può essere invertito a 3 ore dall’attacco

L’ictus può essere invertito entro 3 ore dopo l’attacco

Le persone che soffrono di ictus e vengono ricoverate in ospedale entro tre ore possono avere l’attacco invertito.

Secondo il Dott. Afua Commey, direttore del programma di controllo delle malattie non trasmissibili, ha fornito agli specialisti di ictus l’opportunità di prestare cure e medicinali che funzionano alla perfezione.

Ha spiegato che i pazienti colpiti da ictus devono assumere farmaci anti-coagulanti entro tre ore per avere le migliori possibilità di un recupero completo.

Ha anche espresso preoccupazione per il numero crescente di giovani che soffrono di ictus a causa di scelte di stile di vita tra cui l’assunzione eccessiva di alcol, il fumo e lo stress.

Un po’ di anni fa, se qualcuno aveva l’ipertensione, normalmente era una persona con più di 70 anni. Erano i vecchi nonni che di solito si lamentavano. Ora a 35 anni, 29 anni già si viene colpiti da ictus”.

Il numero di persone sotto i 40 anni che vengono colpite da ictus è molto peggiore di 10 o 15 anni fa.

Prima di arrivare all’ictus, si è colpiti da ipertensione per un certo numero di anni. Significa che tutte queste persone giovani, hanno avuto problemi di ipertensione molto presto“, ha detto.

L’ictus è un “attacco cerebrale” che interrompe le forniture vitali di sangue e ossigeno al cervello. Un ictus si verifica quando viene interrotto l’afflusso di sangue a una parte del cervello. Oltre l’80% degli ictus si verifica a causa di un blocco in un’arteria.

Una trombosi cerebrale, quando un coagulo di sangue si forma nell’arteria principale che porta al cervello o ad un’embolia cerebrale, quando un coagulo di sangue, o qualche volta un pezzo di detrito di grassi da un’altra parte del corpo viene trasportato nel flusso sanguigno al cervello.

Un ictus emorragico si verifica quando un vaso sanguigno nel cervello si rompe con perdite di sangue dentro o intorno al cervello. Gli ictus emorragici rappresentano circa il 15% di tutti gli ictus, ma sono responsabili di oltre il 30% di tutti i decessi per ictus.

Emorragia intracerebrale (ICH) è il tipo più comune di ictus emorragico. Si verifica quando un vaso sanguigno all’interno del cervello si rompe e perde sangue nel tessuto cerebrale circostante.

Mentre un ICH provoca la fuoriuscita di sangue nel cervello stesso, si verifica un’emorragia subaracnoidea (SAH) quando il sangue si riversa nello spazio circostante il cervello.

foto@Pixabay

Redazione

La redazione di veb.it si occupa di fornire agli utenti delle news sempre aggiornate, dal gossip al mondo tech, passando per la cronaca e le notizie di salute. I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Veb.it a firma della redazione.

Potrebbero interessarti

La Sacra Sindone il mistero svelato scientificamente

Simbolo della cristianità e per gli scettici della presenza di Gesù sulla…

Autismo, ricercatori al lavoro su un test per la diagnosi precoce

Malattia per alcuni versi ancora ‘misteriosa’ e per la quale non esiste…

Pedofilia, i numeri parlano di una piaga in continua crescita

Tra i più terribili mali che affliggono il mondo, uno dei più…

Malattie e medicine, i rimedi pericolosi della nonna

Malattie e medicine, i rimedi pericolosi della nonna. La saggezza degli avi,…